Caserta, Archivio di Stato in appalto alla Italarchivi: sarà trasferito a Pastorano

32

L’Archivio di stato di Caserta si trasferisce a Pastorano, a 18 km dal capoluogo campano, nella sede della Italarchivi, la società che si è aggiudicata l’appalto di deposito in outsourcing. Si conclude così, a seguito dell’intervento del direttore generale Archivi, Gino Famiglietti, che ha avocato un mese e mezzo fa l’incarico di direttore dell’archivio di Stato casertano, una vicenda che si trascinava da anni. Il trasloco del materiale dalla inadeguata (e per questo chiusa al pubblico) sede di via dei Bersaglieri, dovrebbe completarsi entro poco tempo e all’inizio del nuovo anno il materiale tornerà consultabile. L’Archivio di stato di Caserta sarà quindi suddiviso in due sedi, quella di Pastorano e quello della Reggia del capoluogo, in attesa che si concludano i lunghi lavori di restauro della Caserma Pollio seguiti dal provveditorato alle opere pubbliche, nell’emiciclo vanvitelliano, che dovrà diventare la sede definitiva dell’archivio, restituendolo alla città.