La continuità piace agli investitori, Piazza Affari vola dopo le elezioni

26

Avvio pirotecnico per Piazza Affari, in forte rialzo rispetto alle altre principali Borse del Vecchio Continente. Il listino milanese sta festeggiando l’esito delle elezioni europee in Italia che hanno sancito il Avvio pirotecnico per Piazza Affari, in forte rialzo rispetto alle altre principali Borse del Vecchio Continente. Il listino milanese sta festeggiando l’esito delle elezioni europee in Italia che hanno sancito il trionfo del Pd, segno della voglia di continuità politica degli elettori. L’euforia generale è ben visibile anche dallo Spread, che scende fino a 161 punti base, con un calo di 22 punti base rispetto al valore precedente dopo il boom dei giorni scorsi sull’onda delle fibrillazioni elettorali. In una sessione avara di dati macroeconomici (fatta eccezione per il GFK tedesco) l’attenzione è tutta puntata sulle elezioni europee che hanno sancito l’avanzata dei partiti anti euro, anche se gli schieramenti europeisti restano in maggioranza. Sul valutario l’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,362. L’Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.292,9 dollari l’oncia. Lieve calo del petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scende a 104 dollari per barile. Gli analisti consigliano di seguire oggi il titolo Enel: secondo il nuovo ad Starace si starebbe pensando a cessioni per circa 4,4 miliardi di euro con un obiettivo di debito a fine anno sotto i 37 miliardi. Fari puntati anche su Geox dopo l’upgrade incassato nella notte dagli analisti di Banca Imi che hanno portato il rating a hold dal precedente reduce. Mps: ha sfruttato venerdì a Piazza Affari la promozione arrivata dagli analisti di Hsbc che hanno alzato il giudizio sul titolo della banca senese a neutral dal precedente underweight. Mercoledì l’assemblea aveva dato il via libera all’aumento di capitale da 5 miliardi di euro, che come dichiarato dall’Ad Fabrizio Viola verrà lanciato durante la prima parte di giugno per essere portato a termine entro metà luglio. Eni: L’Ad Claudio Descalzi ha firmato con il suo omologo di Gazprom, Alexey Miller, un accordo sulla revisione dei contratti di approvvigionamento di gas. L’accordo, ha spiegato una nota, prevede una riduzione dei prezzi delle forniture e un cambiamento importante nelle modalità di indicizzazione assicurando il pieno allineamento con il mercato. In Ucraina vince Poroshenko, un tycoon filo occidentale Il ricco ucraino Petro Poroshenko ha vinto le elezioni in Ucraina e tra i primi compiti avrà il più difficile, cioè quello di arginare di arginare la violenza separatista che minaccia di strappare i confini orientali a favore della Russia. Poroshenko ha avuto il 54,1% del consenso elettorale, secondo la commissione elettorale centrale dell’Ucraina a Kiev, ancora alle prese con lo scrutinio. Questo impedirà il ballottaggio e darà la possibilità a Poroshenko di formare subito il “suo” governo. L’ex-primo ministro, Yulia Tymoshenko, si piazza al secondo posto, ma staccata in modo consistente e senza possibilità di recupero. Mentre la popolazione delle regioni orientali dell’Ucraina non hanno votato, il successo di Poroshenko è stato accolto con favore negli Stati Uniti e in Europa. “Il nostro primo passo sarà incentrato sulla fine della guerra, del caos e del disordine”, ha detto Poroshenko ai giornalisti nel suo quartier generale a Kiev, che si impegna a visitare le regioni orientali in difficoltà e a lavorare con la Russia per risolvere il conflitto. La Borsa di Tokyo guadagna l’1% su yen e Wall Street Il mercato asiatico non ha dato molta importanza alle elezioni europee, contagiato dall’ottimismo dell’economia statunitense. L’euro resta comunque vicino ai minimi da tre mesi, dopo che dalle urne del vecchio continente è uscito un incremento dei consensi a partiti populisti ed euroscettici. L’indice Nikkei della Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo dello 0,97% a 14.602,52 punti. La Borsa giapponese beneficia di un indebolimento dello yen, che ha superato in giornata quota 102 sul dollaro anche sulla scia degli ultimi dati provenienti dagli Usa, come l’incremento delle vendite di nuove abitazioni, che hanno portato Wall Street a nuovi record. I volumi degli scambi sono relativamente bassi, anche in vista della chiusura odierna dei mercati americani e britannici per festività. L’andamento senza gravi incidenti delle elezioni in Ucraina contribuisce a rasserenare l’atmosfera tra gli investitori internazionali.


I dati macro attesi oggi Lunedì 26 maggio 2014 Festa – Stati Uniti – Giornata della Memoria Festa – Gran Bretagna – Late May Bank Holiday 10:00 EUR Conferenza del Presidente SNB Hildebrand