Terlato Wines raccoglie 40.000 dollari per i lavoratori dei ristoranti dell’Illinois

226
In foto Tony Terlato

Durante la sua carriera Anthony Terlato è stato un pioniere dei vini di qualità e ha avuto un enorme impatto sulle abitudini di consumo degli americani e sull’apprezzamento del vino e del cibo. La sua carriera pionieristica è durata più di sessant’anni ed è stato considerato, negli Stati Uniti, il “Padre del Pinot Grigio”.

Terlato è scomparso nel giugno 2020, ma la famiglia Terlato, un’azienda vinicola familiare da quattro generazioni, continua la sua missione di produrre, importare e commercializzare vini pregiati.  In riconoscimento dei suoi contributi duraturi, Terlato ha annunciato il Terlato Legacy Program: 1st Annual Anthony Terlato Tribute.

Con oltre 40 anni di leadership nel settore del Pinot Grigio di altissima qualità, l’amministratore delegato Bill Terlato nel 2014, ha lanciato il Terlato Vineyards Estate, Pinot Grigio, coltivato e imbottigliato sui Colli Orientali del Friuli, la più rinomata regione italiana produttrice di vino bianco.

Quest’anno, in collaborazione con il distributore Southern Glazer’s Wine & Spirits, il Terlato Vineyards Legacy Program ha lanciato una sfida filantropica con Terlato Vineyards Pinot Grigio, il Pinot Grigio friulano di altissima qualità, per finanziare un ente di beneficenza in onore di Tony Terlato.

Con 15 mercati in competizione per ottenere la migliore performance, l’entusiastica competizione è stata vinta da Southern Glazer’s Wine & Spirits dell’Illinois. I loro sforzi impressionanti hanno raccolto 40.000 dollari a favore dell’Illinois Restaurant Association Educational Foundation (IRAEF) Restaurant Employee Relief Fund. Terlato Vineyards e Southern Glazer’s Wine & Spirits contribuiranno ciascuno con 20.000 dollari per sostenere questa importante iniziativa.

L’amministratore delegato Bill Terlato ha dichiarato: “La nostra collaborazione con Southern Glazer’s Wine & Spirits è fonte di grande orgoglio e nostro padre sarebbe entusiasta di ciò che abbiamo realizzato insieme. È giusto che il team di vendita dell’Illinois si sia guadagnato questa vittoria. Molti del team hanno lavorato con la nostra famiglia per anni e siamo lieti che la migliore performance sia stata nel nostro territorio per onorare la sua eredità. Siamo entusiasti che l’IRAEF Restaurant Employee Relief Fund sia il beneficiario della donazione in quanto la comunità dei ristoranti era vicina e cara al cuore di papà“.

L’industria della ristorazione, il più grande datore di lavoro del settore privato in Illinois, è stata colpita in modo schiacciante dalla pandemia di COVID-19. La generosa donazione di 40.000 dollari del Terlato Vineyards Legacy Program all’organizzazione no-profit IRAEF Restaurant Employee Relief Fund aiuterà l’industria della ristorazione ad andare avanti in questi tempi difficili.

Terry Brick, vicepresidente esecutivo e direttore generale di Southern Glazer’s Wine & Spirits ha osservato: “Tutta la nostra famiglia è onorata di aver contribuito in maniera determinante a questo concorso nazionale ideato per riconoscere l’eccezionale eredità di Tony Terlato. Siamo riusciti a vincere grazie alla passione del nostro team per questo marchio e anche grazie ai nostri partner di Choose Chicago, con cui abbiamo recentemente collaborato per la Chicago Restaurant Week. Essere in grado di donare 40.000 dollari al IRAEF Restaurant Employee Relief Fund è un tributo notevole di cui, ne siamo sicuri, Tony sarebbe sarebbe stato orgoglioso“. “Siamo onorati e grati per questo generoso contributo di Terlato Wines e Southern Glazer’s Wine & Spirits”, ha detto Sam Toia, Presidente e CEO, Illinois Restaurant Association. “Dalla scorsa estate, abbiamo attivamente raccolto fondi per il IRAEF Restaurant Employee Relief Fund, che fornisce una tantum, 500 dollari in contanti ai lavoratori del settore che affrontano una crisi finanziaria imprevista a causa della pandemia. Questo notevole contributo farà davvero la differenza nella vita degli altri e ci permetterà di erogare più di 300.000 dollari questa primavera“.