Turismo, al via la lunga Festa del Mandarino dei Campi Flegrei

54

Al via la Festa del Mandarino dei Campi Flegrei, settima edizione, organizzata dall’associazione no-profit L’Immagine del Mito. Il 13 e il 14 dicembre, dalle 9.30 alle 14, appuntamento nel Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore di Napoli (piazza San Gaetano) con la degustazione di prodotti a base di mandarino (panettone, marmellate, spremute, mandarinetto) e la promozione della cosmesi al mandarino naturale: dall’acqua tonica per il corpo a bassissimo tasso alcolico al sapone da toilette e al profumo. Il mandarino è un agrume di origine cinese che arriva in Italia, all’Orto botanico di Palermo, nel 1810 e dopo qualche anno, nel 1816, approda nel Real Orto Botanico di Napoli retto dal botanico Michele Tenore per acquisire la denominazione di Citrus Deliciosa. Da qui viene piantato, nel 1818, al Real Parco di Capodimonte, precisamente nell’Orto delle Delizie per allietare la tavola della famiglia reale dei Borbone in inverno. La Festa sara’ anche occasione di conoscenza e promozione di prodotti come marmellata, succo, estratto alcolico destinato a far concorrenza al piu’ famoso limoncello, baba’ immersi nell’estratto e bagna per dolci. La Festa del Mandarino arrivera’ anche al Museo Archeologico di Napoli, il 13 dicembre in occasione dell’ anteprima della mostra sui tesori di Sichuan ‘Mortali Immortali’. La Festa proseguira’ fino al 16 febbraio toccando Lacco Ameno a Ischia il 28, 29 e 30 dicembre; a Bacoli il 12 e 13 gennaio 2019, si terra’ la sfilata di moda delle allieve e allievi dell’Accademia della Moda Santa Teresa che presenteranno la linea di moda Estate Flegrea 2019 frutto di un lavoro di gruppo approntata con stoffe di pregio tinte a mano con coloranti naturali, secondo il metodo Shibori; il 2 febbraio fara’ tappa a Monte di Procida e il 16 febbraio, in conclusione, si terra’ a Pozzuoli il consueto convegno sull’agricoltura sostenibile nei Campi Flegrei. Tante le curiosita’ gastronomiche nel corso della festa: chef stellati, bar e ristoranti dei comuni che negli anni hanno partecipato alla manifestazione inseriscono infatti abitualmente nei propri menu ricette raffinate, sia dolci che salate, a base di mandarino.