Usa approvano piano da 95 miliardi di dollari: 61 in aiuti a Ucraina

14

Roma, 24 apr. (askanews) – Il Congresso americano ha adottato un gigantesco pacchetto di aiuti militari ed economici per l’Ucraina, pari a 61 miliardi di dollari, risultato di mesi di negoziati estremamente tesi e laboriosi. Il piano di aiuti approvato, per complessivi 95 miliardi di dollari, comprende anche fondi per Israele e Taiwan, nonché un vero e proprio ultimatum sulla diffusione di TikTok in Usa, ed ha ricevuto un sostegno schiacciante al Senato.

“Finalmente, finalmente, finalmente. Stasera, dopo più di sei mesi di duro lavoro e molti colpi di scena, l’America manda un messaggio al mondo intero: non vi volteremo le spalle”, ha esultato il leader dei Democratici al Senato, Chuck Schumer.

Joe Biden ha promesso di promulgare questo testo, adottato pochi giorni prima dalla Camera dei Rappresentanti, l’altra componente del Congresso americano. “Firmerò questo disegno di legge e mi rivolgerò al popolo americano non appena arriverà sulla mia scrivania domani (oggi, ndr), in modo che possiamo iniziare a inviare armi e attrezzature all’Ucraina questa settimana”, ha dichiarato il presidente americano. Il Congresso ha risposto alla “chiamata della storia” con questa legge che mira a “rafforzare la nostra sicurezza nazionale e inviare un messaggio al mondo sul potere della leadership americana”, ha aggiunto in un comunicato stampa.

Questi fondi sono il risultato di mesi di negoziati estremamente aspri, delle pressioni del presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Washington e degli alleati di tutto il mondo. “Sono grato al Senato degli Stati Uniti per aver approvato oggi un aiuto vitale all’Ucraina”, ha scritto il presidente ucraino sui social media poco dopo l’approvazione del gigantesco pacchetto di aiuti.

La parte del leone spetta a Kiev, che si trova ad affrontare una situazione complicata sul campo di battaglia contro la Russia: per la guerra in Ucraina vengono spesi 61 miliardi di dollari. L’assistenza militare americana, interrotta per diverse settimane, dovrebbe riprendere quasi immediatamente – entro “i prossimi giorni”, ha detto ieri il portavoce del Pentagono.

Questo piano di aiuti autorizza inoltre il presidente Biden a confiscare e vendere beni russi per finanziare la ricostruzione dell’Ucraina. Un’idea che sta prendendo piede anche negli altri Paesi del G7.

Tra gli altri elementi del piano Usa figurano nuovi aiuti militari per diversi miliardi di dollari a Israele, in guerra con Hamas, nonostante le preoccupazioni della comunità internazionale per la sorte dei civili a Gaza. Questi fondi serviranno in particolare a rafforzare lo scudo antimissile israeliano, denominato “Iron Dome”. “Ringrazio il Senato americano per aver adottato, con un’ampia maggioranza all’interno di entrambi i partiti, questo aiuto a Israele (…) che è una chiara garanzia della forza della nostra alleanza e invia un messaggio forte a tutti i nostri nemici”, ha reagito su X il capo della diplomazia israeliana, Israel Katz.

Sono inoltre previsti oltre 9 miliardi di dollari per rispondere all'”urgente bisogno di aiuti umanitari” delle “popolazioni vulnerabili di tutto il mondo”, in particolare a Gaza e in Sudan.

Come aveva chiesto Joe Biden, questa legge stanzia inoltre 8 miliardi di dollari per contrastare militarmente la Cina, investendo in sottomarini e per aiutare Taiwan. Prevede inoltre il divieto di TikTok negli Stati Uniti, a meno che il social network non tagli i suoi legami con la società madre ByteDance, e più in generale con la Cina. La piattaforma video è accusata di consentire a Pechino di spiare e manipolare i suoi 170 milioni di utenti negli Stati Uniti. Tuttavia, il suo potenziale divieto rischia di essere contestato in tribunale.