Alla Casina Vanvitelliana colori ed emozioni della terra flegrea con I fiori del mare di Cinzia Bevilacqua

277
in foto Cinzia Bevilacqua

di Federica Cigala

Tele colorate evocative della straordinaria natura flegrea, ed ancora conchiglie, pietre e rocce dipinte a mano.
Tutto quello che offre il mare nella personale “I fiori del mare” di Cinzia Bevilacqua, in esposizione fino al 4 ottobre nella magica cornice della Casina Vanvitelliana sita nel parco borbonico di Bacoli.
Ad una settimana dall’inaugurazione avvenuta il 10 settembre, ancora si respira l’atmosfera quasi fiabesca dell’evento. L’ingresso nella location allestita in un percorso di colori ed emozioni che si snoda in tappe collegate ai quattro elementi dell’acqua, aria, terra e fuoco, suscita da subito l’ energia positiva della Terra di fuoco.
La scelta della casina Vanvitelliana a Bacoli, come ribadisce bene l’autrice, è d’altronde simbolo di un dono del mare.
Un percorso che parte dall’ acqua ispirato dal mito, dalla leggenda della sirena, che si congiunge a tutti gli altri elementi, rappresentativi della natura e della storia dei Campi Flegrei, ma anche dell’anima di acqua e di fuoco dell’ artista Bevilacqua.
Ed ecco balzare agli occhi la magnetica tela di uomini di mare al lavoro tra reti, nello sfondo l’intenso blu che cattura il Vesuvio nella sua attività silente. Ed ancora Sirene lunari, Vulcani rosso fuoco, figure femminili che parlano di terre di mare addormentate ma pronte a rinascere.
Cinzia Bevilacqua, docente di lingua francese all’alberghiero Petronio di Pozzuoli, coltiva da sempre come autodidatta la passione del disegno. Il suo lavoro è passato dalla pratica del disegno giovanile dal tratto in bianco e nero, chiaro scuro a carbone di cera, rappresentativo del mondo esotico con la eterna lotta tra yin e yang , agli attuali dipinti caratterizzati dall’esplosione dei colori attraverso la tempera, l’acrilico, l’olio su tela, seta, tavola e materiali da riciclo. Dove tutto parla della sua terra flegrea.
Il maestro Cascella dice di lei nel 1979 “ Cara Cinthia, fin troppo brava…ma la bravura è nemica dell’arte, ma necessaria per saper disegnare come ben dimostri…”.
“I fiori del mare”, un vernissage da non perdere, dove poter fruire in un tutt’ uno dell’ amore per l’arte e la bellezza mozzafiato del territorio flegreo.