Anomalie del sistema bancario, i nuovi strumenti per i privati

84

L’accordo con l’Agenzia delle Entrate e con Equitalia, siglato a livello nazionale e poi recepito a quello regionale, prevede l’istituzione di sportelli dedicati ai revisori legali per agevolarne l’accesso alla L’accordo con l’Agenzia delle Entrate e con Equitalia, siglato a livello nazionale e poi recepito a quello regionale, prevede l’istituzione di sportelli dedicati ai revisori legali per agevolarne l’accesso alla documentazione. Allo stesso tempo l’intesa con Sdl, fondazione bresciana che si occupa di usura e anatocismo bancario, dà ai revisori uno strumento in più per aiutare i propri clienti a reagire quando vittime di vessazioni finanziarie. Da ultimo una legge nazionale prevede che le amministrazioni regionali debbano sottoporre il proprio bilancio al controllo di un collegio esterno di revisori, pratica nella quale la Campania si era portata avanti. Insomma, la figura del revisore legale, da poco riconosciuta in ambito europeo come professione autonoma, risulta in Italia arricchita di nuove funzioni. Da un lato affianca il privato nelle misure di rientro del piano debitorio verso l’Erario e di ripristino della legalità nei rapporti con gli istituti di credito o con le società finanziarie; dall’altro, nella lunga stagione di spending review e riordino dei conti pubblici, aiuta le regioni a tenere dritta la barra del bilancio. Questi i temi del 1° seminario nazionale dell’Istituto Nazionale Revisori Legali del 24 settembre, aperto dai saluti del vicesegretario nazionale Ubaldo Procaccini. “L’istituto rappresenta oltre 70mila professionisti nel Paese – commenta il presidente Virgilio Baresi: gli accordi siglati e la rilevanza strategica conseguita nel rapporto tra privati e sistema bancario rappresentano per noi un traguardo significativo”. Riflettori puntati sull’accordo con Sdl. “I revisori legali, per la loro terzietà nei rapporti con le aziende – spiega Stefano Pigolotti, vicepresidente della fondazione – rappresentano il terminale ideale per il nostro lavoro”. Ecco cosa prevede l’accordo: se nella sua funzione di certificazione dei conti il revisore dovesse sospettare che questi siano condizionati da anomalie nei rapporti con le banche (anatocismo o usura) segnala il caso a Sdl. Questa prima analizza a sua volta i conti, in maniera gratuita. Se riscontra interessi ultralegali su mutui, conti correnti, leasing o derivati, propone al cliente l’apertura di una procedura (a pagamento) per recuperare i crediti non dovuti. “Il report nazionale delle nostre attività – conclude Pigolotti – racconta che oltre il 90 per cento dei casi arrivati alla nostra attenzione presentavano anomalie finanziarie”. Ma anche Equitalia si compiace della sinergia con l’Istituto. “Ottimizza la nostra attività di riscossione – è il parere di Benedetto Minero, amministratore delegato di Equitalia – ed è garanzia di trasparenza a tutela dei contribuenti che devono affrontare oneri tributari”.