Associazioni, da piattaforma telematica a soggetto autonomo: ecco Nagorà

42

‘N’ come Napoli, ‘agorà’ come la piazza principale dell’antica polis: si chiama “Nagorà” la piattaforma telematica che, nata con l’Acen (Associazione dei costruttori edili di Napoli), diventa ora soggetto autonomo. Un luogo di incontro e di confronto che si rinnova con l’intento di contribuire sempre di più ad una discussione sui temi dell’urbanistica e dell’architettura, accogliendo punti di vista, analisi, polemiche e suggerimenti e sviluppando proposte sullo sviluppo socio-economico di Napoli e della Campania. La neonata associazione culturale “Nagorà – Laboratorio di idee”, voluta e presieduta da Francesco Tuccillo, è stata costituita da Acen, Ance Campania, Inarch Campania e Omen (Osservatorio Metropolitano di Napoli) ed ha come soci ordinari la Banca di Credito Cooperativo di Napoli, gli Ordini professionali degli Ingegneri, degli Architetti e dei Commercialisti di Napoli, l’Ipe – Istituto per Ricerche ed attività educative, il Sabato delle Idee, la Saf – Scuola di alta formazione, Svimez, Srm – Studi e ricerche per il Mezzogiorno, e Università degli Studi di Napoli Parthenope. Nagorà, collegata all’omonimo blog (http://www.nagora.it), sarà presentata giovedì prossimo, 12 aprile, alle 17,30, nella sede dell’Acen, in PIazza dei Martiri, in una serata nel corso della quale verrà distribuita la pubblicazione “Nagorà 2016-2017 – Idee e proposte per Napoli”, presentata da Paolo Macry. Un battesimo pubblico, dicono gli organizzatori dell’evento, “che offrirà l’occasione per aprire una prima discussione sulle trasformazioni urbane legate ai flussi turistici, con la tavola rotonda dal titolo ‘Il turismo nelle città di domani. Criticità e opportunità, moderata dal giornalista Davide Cerbone. Ne parleranno Francesca Amirante, presidente di “Progetto Museo”, l’amministratore delegato di Gesac Armando Brunini, Ennio Cascetta, presidente di Anas e di Metropolitana di Napoli, Antonio Izzo, presidente di Federalberghi Napoli, il rettore dell’Università Federico II, Gaetano Manfredi e Pietro Spirito, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno centrale. “L’idea di costituire Nagorà nasce dall’esigenza di assumere un ruolo di responsabilità nel contesto sociale ed economico di riferimento e di essere classe dirigente, mettendo a confronto le idee di imprenditori, opinionisti e di esponenti della società civile, determinando così un nuovo contenitore culturale in grado di sviluppare un modello di elaborazione delle istanze di sviluppo con il massimo della competenza – spiega Tuccillo, già presidente dell’Acen – Tutto ciò sarà accompagnato da approfondimenti analitici, da un’attenta disamina dei dati e da elaborazioni quantitative sui temi di riferimento da offrire al dibattito cittadino”.