Criminalità organizzata, il portavoce Cei: Non c’è Chiesa silente o neutrale

31
in foto don Ivan Maffeis, portavoce della Conferenza episcopale italiana

La Chiesa italiana è impegnata quotidianamente contro ogni mafia. Lo ha detto il portavoce della Conferenza episcopale italiana, don Ivan Maffeis, parlando della relazione dell’Antimafia presentata ieri e che ha visto la partecipazione anche della stessa Cei: “E’ una Chiesa che rompe ogni atteggiamento di silenzio, neutralità, sottovalutazione, per portare avanti un’opera quotidiana di liberazione”. Introducendo l’incontro a Roma della Consulta Nazionale Antiusura, don Maffeis ha sottolineato l’importanza di “uscire dal recinto della repressione” per agire anche sul versante della cultura della legalità e dell’informazione. Poi ha sottolineato il particolare impegno degli organi di informazione della Cei nel contrasto all’azzardo e all’usura.