Denatalità, Ciarambino: In Campania peggio che nel resto d’Italia. Subito una legge regionale

58
in foto Valeria Ciarambino (fonte foto Imagoeconomica)

«Quanto emerso nel corso dell’incontro alla Camera di Commercio dal titolo “Insieme per la natalità… impegno regionale” è a dir poco allarmante. Come illustrato dall’ex presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo, tra il 2008 e il 2019 la Campania ha fatto registrare un calo di nascite del 23,1%, tra il 2019 e il 2022 un ulteriore -4,8% e un -3,6% nei primi 11 mesi del 2023, numeri persino peggiori che nel resto d’Italia – dichiara Valeria Ciarambino, Vicepresidente del Consiglio regionale della Campania e componente del Gruppo Misto – Siamo davanti ad un tema molto importante, che dovrebbe rappresentare un’urgenza per tutte le forze politiche, in tutti i livelli istituzionali, e bene ha fatto De Luca nell’annunciare di voler approvare una legge regionale sul sostegno alla famiglia e sul contrasto alla denatalità. La famiglia deve essere una priorità della politica regionale tutta e non un tema relegato all’interno di steccati ideologici, se è vero che i figli rappresentano il principale investimento per una regione come la Campania, che un tempo era il vivaio d’Italia e oggi vede una popolazione in costante diminuzione per il calo delle nascite e l’emigrazione dei nostri giovani. Da tempo ho portato questo tema all’attenzione del Consiglio regionale e ben tre anni fa ho presentato una proposta di legge con l’intento di realizzare in Campania un sistema di interventi strutturali a sostegno della famiglia e della natalità, come un assegno per i primi tre anni di vita, l’introduzione del Fattore Famiglia quale indice aggiuntivo all’Isee, la gratuità degli asili nido, ma anche strumenti di conciliazione tra famiglia e lavoro, perché una donna nella nostra regione non sia più costretta a scegliere se essere madre o lavorare. Così come ho fatto approvare una mozione per organizzare gli Stati generali della natalità in Campania, necessari per porre questo tema al centro dell’agenda politica – conclude Ciarambino – Bisogna intervenire con urgenza per trovare soluzioni all’emorragia di futuro che da tempo dissangua il nostro Paese e la Campania, dove i giovani se ne vanno e i bambini non nascono più, altrimenti tra non molti anni, con una popolazione prevalente di anziani, non potremo più sostenere il servizio sanitario pubblico, il sistema pensionistico e tanti altri servizi essenziali».