Philip Morris accelera il percorso verso un futuro senza fumo

32

ROMA (ITALPRESS) – Il percorso di Philip Morris International per costruire un futuro senza fumo compie oggi un altro passo importante con il lancio su scala nazionale in Italia di lil SOLID 2.0, il dispositivo per scaldare il tabacco commercializzato da PMI a seguito del contratto di licenza firmato con KT&G, la principale azienda sud-coreana nel settore del tabacco e della nicotina. Dopo IQOS, il primo sistema al mondo per il riscaldamento del tabacco, e dopo la sigaretta elettronica VEEV, il lancio di lil SOLID 2.0 amplia il portafoglio di prodotti senza combustione tecnologicamente avanzati di PMI che, seppur non privi di rischi, rappresentano valide alternative per quei fumatori adulti che altrimenti continuerebbero a fumare.
Ad oggi sono oltre due milioni i fumatori italiani che hanno completamente lasciato le sigarette o iniziato il percorso verso i prodotti senza combustione sviluppati e commercializzati da PMI grazie al lavoro di ricerca sui dispositivi senza combustione portato avanti da oltre 900 esperti in ricerca e sviluppo e oltre 9 miliardi di dollari di investimenti.
“Il nostro obiettivo è eliminare le sigarette nel più breve tempo possibile. Da tempo stiamo guidando il settore verso la più grande trasformazione della sua storia, favorendo la transizione dei fumatori che non smettono verso alternative tecnologiche senza combustione e il fatto che due milioni di fumatori abbiano già deciso di fare questo passaggio ci dice che siamo sulla buona strada”, ha commentato Gianluca Iannelli, Head of Marketing & Digital di Philip Morris Italia, che ha aggiunto: “IQOS continua a essere leader nella categoria del tabacco riscaldato, ma sappiamo che nessun singolo prodotto soddisferà le preferenze di tutti i fumatori adulti. Il lancio di lil SOLID 2.0 complementa il nostro portafoglio di alternative senza combustione, fornendo ai fumatori adulti prodotti diversi per utilizzo, prezzo e tecnologia”
Gli stick di tabacco per lil SOLID 2.0 vengono prodotti in Italia nello stabilimento di Crespellano (Bologna), centro di eccellenza a livello mondiale del gruppo Philip Morris per la produzione e prototipazione di prodotti senza combustione. Nel sito produttivo bolognese è inoltre stato recentemente inaugurato il nuovo Centro per l’Eccellenza Industriale, il più grande al mondo di PMI per industrializzazione, innovazione di processo, ingegnerizzazione e sostenibilità, parte di un più ampio piano di investimenti per l’Italia pari a circa 600 milioni di euro in tre anni, collegati ai nuovi prodotti senza combustione, con un impatto occupazionale stimato diretto, indiretto e indotto di circa 8000 posti di lavoro lungo la filiera.
(ITALPRESS).