Pizza Coronavirus: pace fatta tra Italia e Francia. Ma solo a livello diplomatico

1969

Ancora una volta pace è fatta tra Francia e Italia : dopo  le polemiche scaturite dal video satirico sulla “pizza al coronavirus” diffuso dall’emittente francese Canal+, dove si vede che un pizzaiolo italiano prepara una pizza al Coronavirus,  tra Italia e Francia è giunto  il giorno della pace. Una pace siglata, simbolicamente, in una pizzeria del centro di Roma tra il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio e l’ambasciatore transalpino, Christian Masset.
I due, dopo aver posato in favore di macchine fotografiche e telecamere, si sono seduti a un tavolo del locale in piazza Augusto imperatore dove hanno mangiato pizza e hanno intrattenuto una breve e informale conversazione.
Molti hanno ironizzato su questo ricongiungimento ma è fondamentale che a livello politico e diplomatico, le tensioni siano attenuate soprattutto in un momento mondiale in cui nessuno si può dire esente da contagio. L’intento forse era di fare della satira ma il risultato è stato disastroso. La messa in onda sul canale francese Canal+ di un video contro l’Italia – nel pieno dell’emergenza coronavirus – ha suscitato aspre polemiche nel Paese e la richiesta di scuse, poi arrivate. La parodia, organizzata dagli autori della trasmissione Groland La Zapoi, è stata criticata da più parti: dal governo alle opposizioni, fino alle associazioni di categoria.  La protesta di Roma non si è fatta attendere: il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha chiesto all’emittente di “rispettare i nostri prodotti e il Made in Italy, eccellenze che non hanno pari nel mondo” e ha sottolineato che in queste circostanze “i media avrebbero l’obbligo morale di fornire un’informazione corretta e trasparente sulla reale dimensione del fenomeno in Italia. Purtroppo non è quello che sta accadendo e questo sta danneggiando la nostra economia e i nostri imprenditori”. “I nostri cittadini, lavoratori, imprenditori – ha ribadito – esigono e meritano rispetto sempre, soprattutto in una situazione delicata come questa”. Dura anche la presa di posizione della ministra per le Politiche agricole, Teresa Bellanova, che ha giudicato il video “vergognoso e raccapricciante” perché denigra un intero Paese. “Questa non è satira, è un’offesa ad un’intera nazione, è una evidente mistificazione dei fatti. E’ il populismo fatto immagine”, ha aggiunto confermando che “i nostri prodotti sono sicuri, di altissima qualità, e lo certificano i controlli che effettuiamo ogni giorno, fra i più stringenti al mondo” Dall’opposizione Giorgia Meloni, la presidente di Fratelli d’Italia che per prima ha sollevato la questione, denuncia il suo “disprezzo totale per gli autori di questa immondizia anti-italiana”, mentre per la vice presidente della Camera, Mara Carfagna(FI), il video “è una schifezza e insulta le vittime e i malati di Coronavirus. Nessuno – ha sottolineato – può denigrare l’Italia e i prodotti italiani”. Giuseppe Moles, vice capogruppo di FI in Senato, ha lanciato invece una provocazione: “Mi appello a Crozza affinché faccia uno sketch sulla baguette sotto l’ascella o sull’utilità per la salute pubblica del bidet”. Secondo Coldiretti, inoltre, il falso spot rappresenta una “pugnalata alle spalle” per colpire il Made in Italy agroalimentare “che ha raggiunto il valore record delle esportazioni di 5 miliardi in Francia, che è il secondo mercato di sbocco dopo la Germania”. L’indignazione italiana ha costretto infine l’emittente privata a rimuove lo spot. “Canal+ si scusa con i nostri amici italiani per la trasmissione di una breve sequenza di pessimo gusto, soprattutto nel contesto attuale”, ha detto un portavoce annunciando che “Canal+ invierà una lettera di scuse all’Ambasciatore italiano a Parigi”.