Riciclo imballaggi, Corepla a caccia di idee: call per startup e centri di ricerca

115

Una chiamata di idee rivolta a ricercatrici e ricercatori dell’Universita’, ai centri di ricerca, alle start up, alle aziende, alle Pmi e privati attraverso l’apposita piattaforma www.coreplacall.it, on line da oggi. Una Call for Ideas di creativita’ e intelligenze per la miglior gestione degli imballaggi in plastica dalla progettazione al fine vita, al riciclo e agli innovativi utilizzi del materiale riciclato. Corepla intende cosi’ ricercare e promuovere nuove soluzioni lungo tutta la filiera perche’ la sostenibilita’ e’ un gioco di squadra tra imprese, cittadini e Sistema Paese. La Call “Alla ricerca della plastica perduta” nasce da un’idea di Corepla, in collaborazione con la societa’ editrice multimediale Triwu’ e la prima piattaforma di crowdfunding italiana Produzioni dal Basso.
La partecipazione e’ molto semplice. Il sito www.coreplacall.it fornisce in modo chiaro le indicazioni per l’adesione. La Call e’ aperta a tutti coloro che pensano di avere una buona idea. Sul sito si trova una sezione nella quale scrivere un’introduzione ai concetti di fondo della proposta, alla quale si possono allegare materiali di approfondimento. Corepla si impegna a garantire la proprieta’ intellettuale dell’idea ai portatori della stessa. Un comitato tecnico-scientifico verra’ invitato a valutare i progetti.
Per quelli selezionati, Corepla puo’ agire con tre diverse modalita’: segnalarli ad aziende che possono metterli in atto, in accordo con gli ideatori; Sovvenzionarli direttamente con un investimento che ne faciliti la messa in campo; Creare un’operazione di crowdfunding organizzata su piattaforma Corepla. “Stimolare la ricerca e’ un obiettivo prioritario per Corepla – sottolinea Antonello Ciotti, presidente Corepla – Dalla piccola idea geniale della start up a tutto quello che il mondo industriale italiano e’ in grado di proporre per nuove applicazioni nel campo del riciclo. Corepla dunque come catalizzatore di idee della nuova economia circolare”.