Sventò rapina, Renzi chiama poliziotto

48

(ANSA) – NAPOLI, 20 MAR – “Ho telefonato a un uomo, Giuseppe, che fa il sovraintendente della Polizia e che di fronte a un fenomeno criminale ha disarmato a mani nude un uomo che stava compiendo un crimine. Ci sono un sacco di eroi quotidiani: questo poliziotto campano vorrei che fosse l’orgoglio di tutti noi”. Lo dice Matteo Renzi ai giovani democratici sottolineando di “essere stufo” di un’immagine del Sud dove “tutto va male”.
    “Poi – dice – ho telefonato a Valentina, che ha 17 anni ed è di Avellino, che ha vinto le Olimpiadi di italiano: è la dimostrazione che c’è un sacco di bella gente”. Renzi non dimentica i ritardi che segnano il Mezzogiorno e si dice “indignato” per quelli che riguardano il mondo della Sanità ma anche determinato a cambiare marcia su vari fronti: “Costi quello che costi con Salerno-Reggio Calabria arriviamo in fondo, mettiamo fine alle ecoballe e alla Reggia di Caserta abbiamo detto ai sindacati che siamo con quel direttore che secondo alcuni lavora troppo”.
   

(ANSA) – NAPOLI, 20 MAR – “Ho telefonato a un uomo, Giuseppe, che fa il sovraintendente della Polizia e che di fronte a un fenomeno criminale ha disarmato a mani nude un uomo che stava compiendo un crimine. Ci sono un sacco di eroi quotidiani: questo poliziotto campano vorrei che fosse l’orgoglio di tutti noi”. Lo dice Matteo Renzi ai giovani democratici sottolineando di “essere stufo” di un’immagine del Sud dove “tutto va male”.
    “Poi – dice – ho telefonato a Valentina, che ha 17 anni ed è di Avellino, che ha vinto le Olimpiadi di italiano: è la dimostrazione che c’è un sacco di bella gente”. Renzi non dimentica i ritardi che segnano il Mezzogiorno e si dice “indignato” per quelli che riguardano il mondo della Sanità ma anche determinato a cambiare marcia su vari fronti: “Costi quello che costi con Salerno-Reggio Calabria arriviamo in fondo, mettiamo fine alle ecoballe e alla Reggia di Caserta abbiamo detto ai sindacati che siamo con quel direttore che secondo alcuni lavora troppo”.