Azioni urbane innovative: a novembre la seconda call

32

La Commissione europea annuncia che il secondo bando per “Azioni Urbane Innovative” verrà lanciato a novembre 2016 e anticipa i temi su cui dovranno focalizzarsi i progetti da candidare: mobilità urbana sostenibile, economia circolare, integrazione dei migranti e dei rifugiati.
Le “Urban Innovative Actions” sono state istituite dalla Commissione europea con l’obiettivo di aiutare le città a identificare e testare soluzioni innovative per rispondere alle crescenti sfide che interesseranno le aree urbane nei prossimi anni.
Le risorse stanziate per il periodo 2015-2020 ammontano a 371 milioni di euro, che verranno ripartiti su inviti a presentare proposte, pubblicati annualmente, rivolti ad autorità urbane di città dell’Ue con più di 50.000 abitanti.
Il primo bando per “Azioni Urbane Innovative” (budget da 80 milioni di euro) si è chiuso lo scorso 31 marzo e ha visto la presentazione di ben 378 progetti volti a identificare o sperimentare idee inedite e innovative per affrontare sfide urbane quali la transizione energetica; la povertà urbana; l’integrazione di migranti e rifugiati; lavoro e competenze nell’economia locale.