Campania, i sindacati: dall’inizio del lockdown oltre 62 mila lavoratori in Cig. Interessate circa 4.300 imprese

128

Dall’inizio del lockdown in tutto il settore metalmeccanico campano sono più di 4300 le aziende che hanno fatto ricorso all’utilizzo di ammortizzatori sociali. Più di 62.000 i lavoratori sottoposti agli ammortizzatori e alla riduzione dei salari e, nonostante il divieto dei licenziamenti collettivi, molti lavoratori interinali e con contratti a termine hanno perso il loro posto di lavoro per mancata proroga dei contratti a fine scadenza. Lo denunciano i segretari generali di Fim-Fiom-Uilm Campania, Raffaele Apetino, Massimiliano Guglielmi e Antonello Accurso. “Alla ripresa delle attività riscontriamo un allentamento della tensione produttiva e dei carichi di lavoro – proseguono -. Molta apprensione per i settori legati a filiere importanti come quella dell’aerospazio e automobilistica, inoltre le vertenze già aperte prima del lockdown, tra cui citiamo Whirlpool, Dema e Jabil, non possono aspettare ed essere congelate in attesa che il tempo passi. Tutti gli attori istituzionali Governo e Regione in primis devono essere impegnati in uno sforzo corale che abbia l’obiettivo di collaborare perché dalla crisi si esca tutti insieme, partendo dalle eccellenze e imponendo alle aziende di mantenere tutti i livelli occupazionali”. E concludono: “Ribadiamo che solo con norme di condizionalità, rispetto alle importanti ed inedite risorse economiche date alle imprese, potremo essere in grado di evitare effettivamente il rischio dei licenziamenti nel breve/medio termine (non sarebbe accettabile che da una parte si prendessero finanziamenti e dall’altra si dichiarassero esuberi alla fine dell’emergenza), di bloccare concretamente le delocalizzazioni (estendendo queste richieste anche alle vertenza già in atto) e di riprogettare nuovi ed alternativi modelli produttivi che diano, all’intero paese, alle regioni del mezzogiorno e alla Campania, una nuova prospettiva sociale e di sviluppo. In questa direzione, lanciamo un segnale d’allarme anche in merito al rinnovo Ccnl dei Metalmeccanici (Federmeccanica/Assistal) per cui già sentiamo avanzare la solita retorica che prevede differenziazioni e destrutturazioni”.