Cina, Pmi campane alla conquista del mercato orientale: via al progetto Eurasia

53

Diffondere, promuovere e commercializzare i prodotti e i servizi delle imprese consorziate, nonchè favorire l’incoming turistico, scientifico e didattico nazionale ed internazionale, con il supporto alla loro presenza nei mercati nazionali ed esteri, anche attraverso la collaborazione e il partenariato con imprese, enti pubblici, istituti di credito italiani ed esteri. E’ quanto si propone il progetto Eurasia promosso dall’Associazione Giano Melchisedek in collaborazione con il Consorzio Suggestioni Campane Promotion, espressione di 12 aziende di produzione di vari comparti produttivi, che sarà presentato a Napoli, con la partecipazione di esperti e operatori, nel corso di una conferenza stampa in programma alle 10 di martedì prossimo, 17 luglio, nell’Aula Magna dell’Università Parthenope del Centro Direzionale. L’iniziativa, sottolineano i promotori, si inquadra nell’ambito del “vasto programma di divulgazione culturale, di promozione imprenditoriale e territoriale patrocinata dall’associazione Giano Melchiesedek con la sottoscrizione di una convenzione con l’Universita Parthenope e un articolato programma di incontri”. L’obiettivo e’ l’apertura di un hub in Cina teso alla promozione culturale, scientifica, territoriale, di scambi turistici e didattici con particolare attenzione alla promozione dell’export dei prodotti d’eccellenza del Made in Italy nel Paese asiatico. “Il nostro export è poco mirato ed è esposto a una grande concorrenza. Bisogna puntare su prestigio e qualita’ cercando di capire e cogliere i bisogni che si possono soddisfare su questa linea nell’ambito dei nuovi spiragli che si aprono” spiega il presidente del Consorzio suggestioni campane promotion, Luigi Carfora, specificando che l’ intento è quello di dotarsi di una forza unita, coesa ed incisiva tra tutti gli attori ed attrattori del nostro Paese, dalle istituzioni alle aziende. Secondo gli ultimi dell’ufficio Ice di Pechino relativi al 2017, l’Italia è al 19esimo posto nell’export verso la Cina. In particolare secondo elaborazioni dell’Ambasciata d’Italia su dati agenzia Ice di fonte Istat l’export dall’Italia verso la Cina e’ stato di 13.509,45 milioni di euro, mentre l’import dalla Cina verso l’Italia è stato di 28.412, 91 milioni di euro. Solo per i prodotti alimentari nel 2018 abbiamo importato per 318 milioni di euro ed esportato per circa 200 milioni”.