Ischia Ponte e il ritorno agli anni ’50 grazie al set televisivo dell'”Amica Geniale”

117

Il piazzale delle Alghe di Ischia Ponte ritorna ai nostalgici anni ’50. L’isola verde diventa set privilegiato con i suoi luoghi incantevoli. In questi giorni infatti il borgo storico di Ischia Ponte si è animato per ospitare la sceneggiatura della prossima produzione televisiva della Rai tratta da “L’amica geniale”, il primo romanzo della tetralogia di Elena Ferrante. Sono infatti terminate da pochi giorni le riprese ad Ischia Ponte dedicate alla meta estiva della protagonista Lenù, per le successive puntate si continuerà anche a Forio e a Barano, con la ricostruzione attenta dei luoghi descritti dalle pagine accattivanti. Il borgo storico di Ponte si è trasformato come per magia in botteghe artigiane, osterie, carretti di frutta e fiori, per riprodurre l’atmosfera del dopoguerra. Ed ancora lenzuola stese al sole, auto e corriere d’epoca, botti di legno e damigiane di vetro hanno ulteriormente arredato le zone del Lungomare e del Pontile Aragonese, del Piazzale delle Alghe, una immersione diretta nella storia descritta con fascino dall’autrice misteriosa. Uno stupore arrivare nel piazzale prima del tramonto e ritrovare il mitico bar ristorante da Cocò trasformato nel “Ristorante Don Silvio” affiancato dalla biglietteria d’epoca per trasporti di mare. Così come all’imbrunire, è stato uno spettacolo nello spettacolo ritrovare la baia del Castello ancor più illuminata dai fari, romantica e seducente grazie anche alla collaborazione degli isolani, tra cui la cooperativa Ischia barche che assicurava la tranquillità marina durante la registrazione notturna. La serie televisiva prodotta dalla Rai in collaborazione con HBO si articolerà in quattro stagioni con un totale di 32 episodi, ed avrà risonanza internazionale sulla scia del successo letterario del “caso Ferrante”, scrittrice la cui identità è ancora avvolta dall’alone di mistero. Ed intanto l’isola si prepara ad accogliere nei prossimi mesi le nuove scenografie del primo volume della Ferrante, che non a torto ha prescelto l’isola che c’è, descrivendola in tutto il suo incanto. Chi ha letto L’Amica geniale immagino avrà ancora intatta la descrizione delle prime emozioni di Lenù giunta sull’isola, un tutt’uno con la poetica narrazione paesaggistica della spiaggia dei Maronti. Senza dubbio un invito a riscoprire Ischia grazie alla intensità del racconto e alla sua prossima edizione televisiva.