L’educazione alla positività alla base della crescita economica

30

Il Global Happiness Council, un gruppo internazionale di esperti indipendenti che annualmente pubblica il rapporto sulla felicità nel mondo (Global Happiness Policy Report), sostiene che per espandere lo spazio della libertà c’è bisogno di scuole che attivino interventi di educazione positiva. Con ciò intendendo una gamma di programmi educativi che addestrano i bambini delle scuole primarie e gli studenti delle secondarie <>.

Investendo oggi in scuole e in docenti positivi, domani si potrà fare affidamento su cittadini impegnati nello sviluppo delle relazioni familiari, di prossimità e con le istituzioni pubbliche. Diceva Lucio Anneo Seneca che “gli uomini confondono la felicità con i mezzi per raggiungerla”. La crescita economica è solo uno strumento il cui buon uso dipende dall’innovazione sociale il cui nome è “scuola positiva”, quella che trasmette ottimismo, fiducia e un senso di speranza per il futuro.

piero.formica@gmail.com