Regione, Nappi (Fi): Dopo gli aumenti ai manager c’è l’infornata di primari

55

“Mentre fa finta di intervenire sugli ultimi casi di clamorosa negligenza professionale, in realtà continua la saga d’agosto dell’unica sanità che interessa davvero a Vincenzo De Luca, quella dei soldi e delle nomine. Come riporta il Burc di questa settimana, dopo gli aumenti ai direttori generali delle Asl, ora ecco una raffica di concorsi, per la maggior parte a Salerno, ovviamente: ben 19 fra primari e dirigenti, per alcuni milioni di euro annui di nuova spesa di soli stipendi. In un sistema sanitario in grande difficoltà, prima di ogni altro intervento, servono proprio dei nuovi primari e direttori? Oppure – come i cittadini sono costretti a constatare quotidianamente – quelli che mancano davvero negli ospedali campani sono gli infermieri, i barellieri, gli inservienti e il personale medico operativo? Insomma, mentre la gente sta in barella o – quando gli va ancora peggio – muore di malasanità, De Luca pensa solo a rafforzare il suo fortino clientelare, elargendo stipendi a 5 zeri. Che sfrontatezza. Nei prossimi giorni, invieremo al ministro Lorenzin un dossier delle bravate agostane del presidente De Luca, perché il governo valuti se è davvero il caso che costui continui a fare il commissario della sanità campana”. Così Severino Nappi, responsabile nazionale Forza Italia Politiche per il Sud e consigliere regionale FI Campania.