Sanità privata accreditata sul piede di guerra, da ottobre stop alle prestazioni gratuite

25

Il budget sanitario stanziato dalla Regione si avvia all’esaurimento”: è il grido d’allarme lanciato dalle associazioni di categoria della Sanità privata accreditata campana all’indomani del raggiungimento dei tetti di spesa. Inevitabile Il budget sanitario stanziato dalla Regione si avvia all’esaurimento”: è il grido d’allarme lanciato dalle associazioni di categoria della Sanità privata accreditata campana all’indomani del raggiungimento dei tetti di spesa. Inevitabile il blocco delle prestazioni gratuite. “Dal 27 settembre – si legge nella nota – non saranno più possibili gli esami di radiologia, dal 30 si arriverà allo stop per le analisi, le prestazioni cardiologiche e l’assistenza diabetologia. Dal 16 ottobre si fermerà anche la medicina nucleare”. Tra le associazioni coinvolte, FederLab-Sbv, l’Associazione italiana ospedalità privata e il Sindacato nazionale radiologi. All’appello mancano circa 86 milioni di euro, 58 dei quali utili a coprire le patologie croniche e 459 mila euro per le malattie rare.


Si sposta ad Avellino il Progetto Campus 3S: dopo Benevento, al via da ieri la due giorni di eventi dedicata all’importanza della prevenzione e alla centralità del benessere per tutta la famiglia. Nel villaggio della salute, dello sport e della solidarietà che sarà realizzato lungo corso Vittorio Emanuele, in programma visite mediche specialistiche gratuite con i professionisti dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” e di strutture private accreditate.


Via libera al progetto di promozione medicoscientifico tra la sanità campana e quella della Repubblica Popolare Cinese. Promosso dall’assessorato al Lavoro della Regione, guidato da Severino Nappi, il progetto si svilupperà presso l’Azienda ospedaliera dei Colli diretta da Antonio Giordano in collaborazione con l’Associazione “L’era della Stella Polare”. L’organizzazione, curata dal direttore sanitario Nicola Silvestri, prevede un percorso su Best Practice e innovazione negli strumenti di gestione del sistema sanitario campano.