Sanità, il ministero della Salute promuove la Campania: Importante cambio di passo

66
in foto Andrea Urbani, direttore generale della programmazione sanitaria del ministero della Salute

“Riconosco che c’è stato un cambio di passo molto importante, che è frutto del governo attuale”. Il direttore generale della programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani, promuove di fatto la Campania sul lavoro svolto finora sul Piano di rientro dal debito. “La Campania sta lavorando bene”, aggiunge Urbani nel suo intervento agli Stati generali della salute, organizzati a Napoli da Vincenzo De Luca, presidente della Regione e commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro. Ricordando il monitoraggio costante sull’avanzamento del programma, Urbani sottolinea che “i dati e i documenti sono molto diversi” dal passato, riconoscendo che, nel periodo precedente alla nomina di De Luca, “il dualismo tra la struttura commissariale e la Regione non ha aiutato”. Si sofferma poi sul tema degli screening, spiegando che “si sta lavorando molto su un problema enorme per la regione”, e cita i progressi sul fronte dell’edilizia sanitaria. “La Campania aveva 1,5 miliardi bloccati su questo capitolo – argomenta – Abbiamo già approvato una prima proposta per 246 milioni e speriamo di licenziare presto un secondo documento per altri 1,1 miliardi, che sbloccheranno importanti investimenti”.