A Napoli sfogliatelle stellate per donare un robot al Santobono

82

Sostenere l’acquisto di un robot in grado di rilevare rapidamente i parametri vitali dei bambini, da donare al pronto soccorso dell’ospedale Santobono Pausillipon di Napoli. E’ questo l’obiettivo dell’iniziativa “Sfogliatelle con le stelle“, promossa dall’imprenditore napoletano Antonio Ferrieri, titolare di Cuori di Sfogliatella.

Un progetto benefico a cui hanno aderito quattro chef stellati della Campania con le loro creazioni culinarie, che hanno presentato insieme a Ferrieri. “Io sono felice di aver sponsorizzato questa iniziativa perché ritengono che i bambini non si debbano mai ammalare e quando si può fare qualcosa di buono per i bambini per me è un orgoglio e un piacere“. Ogni chef ha realizzato una sua sfogliata gourmet, per la linea salata. Il ricavato della vendita di questi quattro prodotti servirà a finanziare l’acquisto del robot. Lino Scarallo, chef di Palazzo Petrucci a Napoli: “Ho realizzato la ‘Riccia ripassata’, un classico contorno che facciamo qui a Napoli con la scarola lessata e ripassata in padella con uva passa, pinoli, acciughe e ricotta“. Ci sono poi la sfogliata “Genovese” di Paolo Barrale, chef di Marennà, la “Ragù” di Vincenzo Guarino, chef che ha portato l’Accanto di Vico Equense a ottenere l’ambita stella e che ora si è trasferito in Toscana, al Pievano, e Alfonso Crisci, chef ambasciatore della cucina italiana del mondo che ha realizzato la sfogliatella ‘Vesuviana‘. “Nella mia ricetta abbiamo valorizzato i prodotti del Vesuvio, una ricotta raffinata al baccalà con pomodorini canditi, una ricetta dalle origini prettamente vesuviane“.