Confindustria Umbria, dopo il terremoto? Ripartiamo ma c’è ancora molto da fare

7

Perugia, 24 ago. (Labitalia) – “Il tessuto imprenditoriale deve e vuole ripartire, ma c’è ancora molto da fare”. Lo afferma a Labitalia Antonio Alunni, presidente Confindustria Umbria, a due anni dalla prima scossa che il 24 agosto 2016 ha devastato ampie aree del centro Italia. “La Regione Umbria -dice- ha convocato tutte le parti sociali per decidere su come procedere per la ricostruzione”.

“Abbiamo diversi autorità competenti sul territorio -spiega- che devono parlarsi e trovare una soluzione concreta. Bisogna riproporre proposizioni per semplificare l’avvio serio ed efficace dei lavori di ricostruzione”.

“Abbiamo un vero e proprio puzzle da ricomporre -ammette il presidente di Confindustria Umbria- formato dalle attività produttive, ma anche dalle abitazioni, dalle scuole; da tutte quelle componenti che formano un territorio e che devono essere ricostruite per poter far davvero ripartire l’economia locale”.