Creative Cluster, 60 idee prendono forma: il Mise candida il format al Premio europeo

38

Si chiama Creative clusters: è un programma per valorizzare le idee dei giovani tra i 18 e i 36 anni, un percorso che supporta la creazione di imprese innovative. Giunto alla Si chiama Creative clusters: è un programma per valorizzare le idee dei giovani tra i 18 e i 36 anni, un percorso che supporta la creazione di imprese innovative. Giunto alla seconda edizione, ancora in corso, è ideato e promosso da Campania Innovazione, rete regionale di ricerca e innovazione della Regione Campania. Ed è un’iniziativa cofinanziata dall’Unione Europea nell’ambito del Por Campania Fesr 2007-2013. I numeri parlano di 86 idee d’impresa presentate; 30 business idea selezionate; 59 giovani progettisti partecipanti; 8 laboratori; 6 incontri e tutoraggi a distanza; 50 incontri di orientamento one-to-one; 53 incontri con imprenditori, finanziatori, stakeholder; cinque idee in preincubazione. Best practice – Un format di successo, selezionato dal ministero per lo Sviluppo economico come una delle best practice da candidare al Premio europeo Promozione d’impresa, realizzato in due edizioni e che ha portato, tra le tante presentate, alla selezione e all’assistenza di 60 idee di impresa per circa 120 giovani proponenti. Studenti, imprenditori, laureati e ricercatori sono invitati a presentare idee innovative che, valorizzate e strutturate attraverso un’ibridazione delle metodologie di business planning e design thinking, diverranno progetti d’impresa. Al termine della fase di laboratoriale, gli autori delle Business idea competition sono stati invitati a illustrare le loro proposte a una platea di imprese, investitori e operatori di mercato, con l’obiettivo di valutarne l’eventuale realizzabilita’ e approfondire le modalità secondo le quali strutturare il successivo percorso di affiancamento. I 5 migliori proponenti sono stati affiancati, con il tutoraggio, da esperti così da elaborare i piani operativi di sviluppo. Tecnologie green – Dati i numeri e i risultati della prima edizione e quelli confortati della seconda ancora in itinere, Campania Innovazione ha declinato Creative Clusters sotto altri punti di vista. Così è nato “Creative Clusters Green Technology” che rientra nella strategia di Campania Innovazione di sostegno alla creazione di impresa su scala regionale per il settore dell’energia e dell’ambiente, costruito attraverso un partenariato con il Distretto ad Alta Tecnologia per l’Energia, Smart Power System, e la collaborazione di Atlante Ventures. L’altro è “Creative Clusters Moda e Design”, che insieme con Adi, Associazione per il Design Industriale, Dicdea, Dipartimento di Ingegneria Civile, Design, Edilizia e Ambiente della Seconda Università degli studi di Napoli e Fondazione Il Tarì, promuove il concorso di idee in design e moda. La call seleziona le migliori idee nel settore moda e design per supportarle con servizi di innovazione e creazione d’impresa, al fine di accelerare lo sviluppo e la costituzione di “startup”. Un terzo settore è “Creative Clusters Aerospace”, avviso per raccogliere le migliori idee di prodotti, servizi e processi nel settore aerospaziale. In questo caso Campania Innovazione collabora con il Distretto tecnologico Aerospaziale della Campania (Dac) e Il Centro Italiano di Ricerche Aerospaziali Cira.