Energia elettrica, da un brevetto Enea nuovo impianto per purificare il biogas

154

Sono iniziati i lavori per mettere a punto un nuovo tipo di impianto per purificare il biogas da utilizzare nella produzione di energia elettrica. Basato su un brevetto Enea, questo prototipo verrà realizzato nell’ambito del progetto Biofids. Il metodo di purificazione del biogas brevettato da Enea è basato su un processo di trasformazione in zolfo dell’idrogeno solforato (H2S), grazie a particolari batteri resi piu’ efficienti dalle lunghezze d’onda di un’illuminazione a Led. “Uno dei maggiori ostacoli nello sfruttamento del biogas e’ proprio la presenza dell’idrogeno solforato che, oltre ad essere un inquinante con effetti tossici sull’uomo e sugli agroecosistemi, causa la corrosione delle linee di captazione del gas e degli apparati meccanici correlati alla generazione di energia”, spiega Elena De Luca, ricercatrice del Dipartimento Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili dell’Enea, inventrice del brevetto e responsabile scientifica del progetto. “Inoltre, questo prototipo facilitera’ anche la produzione di biometano per i trasporti e per gli usi domestici”, aggiunge De Luca.