Federlab, privati della Sanità sul piede di guerra: attività a rischio stop dopo Pasqua

58

Privati sul piede di guerra: proclamato lo stato di agitazione del comparto di specialistica ambulatoriale, tra i punti all’ordine del giorno dell’assemblea generale dei soci di FederLab Campania (la principale associazione di categoria dei laboratori di analisi cliniche e dei centri poliambulatoriali privati della regione), svoltasi oggi all’American Hotel di Agnano (Napoli). Non e’ escluso che, subito dopo Pasqua, si possa arrivare allo stop delle attivita’ con conseguente blocco delle prestazioni. “Dal presidente De Luca ci saremmo aspettato una maggior assunzione di responsabilita’”, spiega Vincenzo D’Anna, presidente dell’associazione dei laboratoristi. “Capiamo le difficolta’ e l’enorme debito della sanita’ regionale che ha ereditato – prosegue ancora l’ex senatore – tuttavia finora dal governatore abbiamo ottenuto solo promesse e nessuna seria programmazione del reale fabbisogno del comparto in termini di prestazioni”. “Una, in particolare – aggiunge D’Anna – riguarda i tetti di spesa. Se prima infatti il budget finiva tra ottobre e novembre adesso, dopo la decisione di programmare trimestralmente il volume regionale delle prestazioni, i cittadini campani si ritrovano costretti a pagare di tasca propria esami e analisi in media una volta ogni due mesi oppure, se non vogliono mettere mano al portafogli, devono inserirsi nelle liste d’attesa degli ambulatori pubblici con tempi a dir poco dilatati”. “In pratica – sbotta D’Anna – si e’ deciso di spezzettare ulteriormente una coperta che era gia’ corta di suo e noi, di conseguenza, dobbiamo sorbirci uno ‘stop and go’ una volta ogni due mesi. Tutto cio’ e’ semplicemente assurdo”. “De Luca, quando si e’ insediato, aveva annunciato una vera e propria rivoluzione copernicana nella sanita’ campana, ma francamente finora questa rivoluzione non si e’ vista e noi siamo ancora fermi al cielo delle stelle fisse” ha aggiunto, provocatoriamente, Gennaro Lamberti presidente nazionale di Federlab Italia secondo il quale “tra blocchi anticipati delle prestazioni e mancata programmazione, alla fine chi paga e’ sempre e solo il cittadino”. “Siamo ancora in credito con De Luca per la convocazione dei tavoli di concertazione e confronto per addivenire ai protocolli d’intesa prodromici alla definizione dei tetti di spesa”, ribadisce dal canto suo Pier Paolo Polizzi, presidente di Aspat ed ospite dell’assemblea di Federlab Campania.