Istat: al Sud Pil pro capite quasi la metà rispetto a Centro Nord

60

Resta molto ampio il gap tra il Mezzogiorno e il Centro Nord in termini di ricchezza prodotta.
Secondo i dati diffusi dall’Istat sui conti economici territoriali l’anno scorso il Mezzogiorno, con un livello di Pil pro capite di 17,6mila euro, presenta un differenziale negativo molto ampio, inferiore del 43,7% rispetto a quello del Centro-Nord (-43,2% nel 2013). In termini di reddito disponibile, il divario si riduce al 33,3% (-34,0% nel 2013).
Il Nord-ovest resta l’area geografica con il Pil per abitante più elevato, pari a 32,5mila euro nel 2014, in calo rispetto al 2012 (32,8mila euro) ma in leggera risalita rispetto al 2013 (32,4mila euro). Seguono il Nord-est, con 31,4mila euro, il Centro, con 29,4mila euro e il Mezzogiorno, che con un livello di 17,6mila euro (poco più della metà di quello del Nord-ovest) continua a presentare un divario molto ampio rispetto al Centro-Nord.
La graduatoria regionale vede in testa la Provincia Autonoma di Bolzano, con un Pil per abitante di quasi 40mila euro, seguita da Valle d’Aosta e Lombardia (rispettivamente 37 e 35mila euro). La prima tra le regioni del Mezzogiorno è l’Abruzzo, che si colloca al quattordicesimo posto con circa 23mila euro, mentre l’ultimo posto della graduatoria è occupato dalla Calabria, con 16.200 euro.