Roma: consegnato a Verdone premio ‘Miglior Amico dell’Isola del Cinema’

14

Roma, 23 lug. (Labitalia) – Una serata che consolida ancor di più il sostegno verso il cinema d’autore e la valorizzazione delle pellicole italiane da parte di Groupama Assicurazioni, per il decimo anno consecutivo Main sponsor dell’Isola del Cinema, e Title sponsor dell’Arena che ogni anno ospita più di 25.000 spettatori e oltre 100 pellicole. Oltre a celebrare il decennale della storica partnership che lega l’Isola a Groupama Assicurazioni, la serata – condotta da Viviana Altieri – è stata l’occasione per premiare il grande rapporto di amicizia tra l’attore e regista romano Carlo Verdone e il festival. La fedeltà di uno degli attori più importanti degli ultimi 40 anni del cinema italiano è stata celebrata con l’assegnazione del ‘Premio Miglior Amico dell’Isola del Cinema’, consegnato direttamente da Dominique Uzel, amministratore delegato e direttore generale di Groupama Assicurazioni.

“Sostenere il cinema in Italia, così come in Francia, è nelle nostre radici e nel nostro dna di assicuratori – ha dichiarato Dominique Uzel – e in quanto tali vogliamo preservare il patrimonio di questo Paese. Il cinema è parte integrante del patrimonio culturale italiano e sono onorato di premiare un attore e regista che da oltre 40 anni è tra i più amati e stimati dal pubblico”.

La premiazione è stata preceduta dall’incontro con il pubblico di Carlo Verdone accompagnato sul palco dall’attrice Ilenia Pastorelli e dallo sceneggiatore Nicola Guaglianone. A fare da moderatore Alvaro Moretti, vicedirettore de ‘Il Messaggero’, che ha introdotto gli spettatori alla visione del film ‘Benedetta follia’, diretto e interpretato da Carlo Verdone con Ilenia Pastorelli e da lui stesso scritto con Nicola Guaglianone e Menotti. Carlo Verdone ha così commentato la serata: “Il sostegno dei privati al cinema italiano significa molto perché vuol dire aiutare le manifestazioni culturali che servono per riaggregare le persone che oggi tendono a essere molto sole e hanno perso quel senso di condivisione che invece era presente in passato. È dunque utile promuovere iniziative come questa accompagnate da un bell’elenco di film e di ospiti”.