Universiadi, successo per Napoli. Il presidente Fisu Matytsin entusiasta: Edizione unica

185

“Penso che questa edizione delle Universiadi di Napoli sia veramente unica per l’energia di questa città che ha dimostrato un livello internazionale. L’atmosfera, l’ospitalità e lo spirito dei napoletani sono fantastici. Ho visto famiglie con bambini tra gli spettatori. Senza il supporto di tutti non si sarebbe raggiunto questo successo. L’Universiade unisce le persone. Come Fisu siamo molto grati all’Italia. Spero ci siano altre edizioni in Italia”. Così Oleg Matytsin, presidente Fisu, nel corso della conferenza stampa conclusiva della 30/a Summer Universiade Napoli 2019, per fare il bilancio sportivo della manifestazione, assieme a Gianluca Basile, commissario straordinario dell’Aru, Agenzia Regionale per l’Universiade, presso il Main Press Centre della Mostra d’Oltremare. Presenti tra gli altri anche la campionessa Manuela Di Centa. La conferenza si è aperta con un applauso a Primo Nebiolo, tra i fondatori dell’Universiade. Un’Edizione storica quella di Napoli per l’Italia, che ha già raggiunto il record di medaglie: 43 conquistate.
“Ringraziamo la Fisu per il grande successo delle Universiadi – afferma Gianluca Basile, presidente dell’Aru, Agenzia Regionale per l’Universiade – In questi mesi noi abbiamo riqualificato in breve tempo tanti impianti. Questo risultato è frutto di un lavoro di squadra enorme e di una strategia iniziale che non ha voluto creare cattedrali nel deserto. Io sono diventato commissario straordinario a luglio 2018 e a giugno c’era ancora la disputa di dove fare il villaggio. Ci ha sorpreso la professionalità dei volontari impegnati. In pochissimo tempo hanno acquisito competenze e ci hanno fatto fare bella figura. Ha funzionato il sistema Campania con le federazioni sportive. Grazie ai campioni come Manuela Di Centa, Max Rosolino e Davide Tizzano. Un anno fa anche il mondo sportivo vedeva la manifestazione con tanti dubbi”. “L’Universiade – spiega Manuela Di Centa – dimostra quanto sono importanti i valori dello sport, della cooperazione e dell’educazione”.