Amministrative 2016. I magnifici 4 del PD

20

Eccoli, pronti ai nastri di partenza anche se in verità qualcuno ha già rotto le fila ed ha preso il via in attesa che fossero pronti gli altri contendenti.
Antonio Bassolino, Valeria Valente, Marco Sarracino e Antonio Marfella sono i magnifici quattro indicati dai Democrat che si contenderanno la nomination del centrosinistra a Sinnaco di Napoli.
Tutti gli altri candidati della coalizione che pure avevano manifestato timidamente di voler porre la propria candidatura ci hanno ripensato ed appoggeranno gli esponenti del Pd.
Ora si stanno verificando le firme apposte a sostegno dei vari nomi e si partirà formalmente per la campagna elettorale per le Primarie previste per il 6 marzo.
Ma, come è noto, Bassolino ha bruciato i tempi e da mesi sta lavorando al suo ritorno in campo. Una corsa la sua non solitaria anche se ha la stragrande maggioranza del  (suo ?) partito che gli rema contro e sostiene Valeria Valente. Gli altri due concorrenti, pur essendo persone rispettabili e degne di nota, non hanno alcuna possibilità di vincere.
Dopo aver tentato per mesi di trovare una sintesi unitaria i dirigenti locali e nazionali del Pd hanno dovuto ripiegare su di un team di candidati che nasconde un ennesimo flop di trovare un accordo vero.
Oggi pomeriggio la Valente inaugura il suo comitato elettorale in Piazza Borsa mentre Antonio Bassolino batte le strade della città senza tralasciare nulla.
Ma cosa nasconde questo modo di comportarsi dei Democrat?
Tentiamo un ragionamento. Le varie “anime” del Pd sono ancora in lotta tra di loro per trovare un assetto che determini le rispettive fette di potere. Con un De Luca presidente della Regione che non vuole cedere un centimetro del governo vero e dei posti cosiddetti di sottogoverno già la lotta e dura e c’è il rischio di implosione, l’eventuale elezione di Bassolino creerebbe un nuovo sconquasso ed un altro polo di aggregazione politica che metterebbe in difficoltà il presente ed il futuro delle attuali correnti del partito.
La partita quindi è importante e va giocata fino in fondo. Insomma niente di nuovo sotto il cielo: giochi e giochetti che però fanno rischiare grosso agli stessi contendenti.
Intanto anche gli esponenti degli altri schieramenti si muovono a partire da Gianni Lettieri che ha incassato l’appoggio di Forza Italia ma Fratelli d’Italia continua ad andare per la sua strada.
L’ex arancionissimo Gigino De Magistris rincorre la riconferma e cerca alleati ovunque sia possibile per continuare a disamministrare la città.
Chissà di tutto questo che ne pensano i napoletani !