Confindustria Salerno, De Luca all’assemblea dei 100 anni: Creare ambiente favorevole a chi investe

44
In foto Vincenzo De Luca
“L’Italia è oggi uno dei Paesi meno accoglienti per gli investitori dal punto di vista del sistema giudiziario, della palude burocratica, della irresponsabilità della classe dirigente”. Lo dichiara il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, a margine dell’assemblea generale di Confindustria in programma questa mattina a Saerno. Per il presidente della giunta regionale il rapporto con le multinazionali deve essere fronteggiato “creando un ambiente accogliente dal punto di vista delle relazioni, creando un sistema di convenienza per chi viene a investire in Italia. Gli investitori in genere non fanno i monaci trappisti, vengono per creare lavoro e per darsi una prospettiva per il futuro per vivere in tranquillità”. De Luca ha anche evidenziato che “le due vicende di cronaca che abbiamo davanti agli occhi, il disastro di Venezia e il disastro dell’Ilva testimoniano di un Paese che è in totale declino. Chi viene a investire oggi deve mettere in conto in Italia di affrontare una palude burocratica che scoraggia qualunque investitore e un’assoluta incertezza sulle regole”. Per De Luca in Campania è stato fatto “tutto quello che era nelle nostre possibilità per attrarre investitori” e “stiamo facendo uno sforzo gigantesco per creare esattamente quell’ambiente accogliente, quel sistema di convenienza che serve alle industrie”. “Per la prima volta – ricorda De Luca – abbiamo un outlook delle agenzie di rating positivo per la Campania, migliore in Campania che per l’Italia. Abbiamo erogato credito d’imposta, abbiamo prodotto la fiscalizzazione degli oneri sociali al cento per cento, dato contributi fino a 13mila euro a fondo perduto per ogni nuovo assunto, abbiamo le Zes (zone economiche speciali), prima regione d’Italia, che dovrebbero garantire un sistema d’incentivi ancora più interessante. Abbiamo grandi opportunità in Campania. Pensate che solo per il piano ospedaliero abbiamo recuperato un miliardo e 80 milioni di euro da investire. Si può aprire una stagione molto interessante”.