Ebac, in arrivo 20 milioni per la Campania. Presto i pagamenti della Cig per l’artigianato

286
in foto Achille Capone

Martedì mattina sono stati mandati in Banca d’Italia e a brevissimo dovrebbero essere accreditati 337,5 milioni sui conti del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato (FSBA), unico soggetto abilitato – per legge – a pagare la cassa integrazione a lavoratrici e lavoratori del comparto sospesi dal lavoro a causa del Covid. Si potrà così procedere con l’erogazione della prestazione spettante per i mesi di gennaio, febbraio, marzo e qualcosa di aprile.
“Dopo un’attesa di quasi 150 giorni fra firme di Ministri, passaggi dalla Corte dei Conti, procedure e decreti stanno per arrivare 20 milioni di euro per il pagamento della cassa integrazione a circa 20mila addetti – dice Achille Capone, presidente di EBAC, Ente Bilaterale Artigianato Campania -. Questa tempestività nel completare l’operazione è un concreto segnale di attenzione rispetto ai lavoratori del Comparto Artigianato”.
“Le preoccupazioni dei lavoratori – aggiunge Anna Letizia, vice presidente EBAC – sono le stesse del Fondo, la rabbia per i ritardi è comune, altrettanto l’impegno a sollecitare e insistere nel pretendere certezze sui tempi di disponibilità delle risorse”.
Intanto, il Ministero del Lavoro che è già stata avviata tutta la procedura di attribuzione degli altri 450 milioni destinati dalla Legge di stabilità al Fondo artigiani ed a Formatemp, Fondo che invece si occupa del settore somministrazione. Dovrebbero arrivare presto altri 337,5 milioni, a livello nazionale, per pagare le sospensioni di aprile e mesi seguenti fino alla copertura delle prime 12 settimane di cassa integrazione di quest’anno.
Inoltre, avrebbe preso avvio anche l’analoga operazione di attribuzione dell’ulteriore dotazione finanziaria stabilita con il primo decreto sostegni: 1,1 miliardi. A FSBA dovrebbero andare 825 milioni. Con queste risorse si potrà far fronte al fabbisogno di imprese e lavoratori per le 28 settimane di sospensione previste in continuità e comunque una volta esaurita la prima mandata.
In questo modo, il sistema Artigianato può contare per quest’anno su un miliardo e mezzo di euro per pagare la cassa integrazione per i periodi di sospensione dal lavoro a causa del Covid. L’anno passato il Fondo ha erogato prestazioni per 2,2 miliardi (fra erogazioni dirette e versamenti/accantonamenti per l’Inps della contribuzione correlata), sono stati sostenuti 750.000 lavoratrici e lavoratori, con 212.000 le aziende interessate.