“Ecosia”, spopola il nuovo motore di ricerca che mira a salvare il pianeta

65

Nel bel mezzo della crisi climatica che sta attraversando il pianeta, accompagnata dagli incendi in Amazzonia, sta spopolando sui social una nuova applicazione per iOS ed Android battezzata “Ecosia”. Molti vip, tramite le storie di Instagram, hanno invitato gli utenti ad utilizzarlaEcosia, per chi non lo conoscesse, è un motore di ricerca proprio come Google e Bing. La differenza però da questi ultimi due è sostanziale, in quanto ha l’obiettivo di salvare il pianeta e favorire la riforestazione.
I gestori infatti hanno precisato che l’80% dei ricavi pubblicitari generati dalle ricerche degli utenti, verranno devoluti alle associazioni che si occupano della riforestazione. Aprendo l’applicazione è infatti possibile vedere l’impatto delle proprie ricerche sulla riforestazione: è stimato un albero piantato ogni 45 query inviate.
L’applicazione ha già contribuito al riforestamento di zone come Marocco, Indonesia, Etiopia, Madagascar, Brasile e Marocco, per un totale di 65 milioni di alberi piantati. E’ anche presente un apposito pannello in cui sono presenti tutti i progetti attualmente in fase di sviluppo, con i relativi dati sugli alberi finanziati.
Il tutto è al massimo trasparente, ed infatti ogni mese i gestori del motore di ricerca pubblicano i propri rapporti finanziari, con tanto di dati sull’apporto dato dagli utenti.
Ecosia è disponibile gratuitamente sul Play Store di Android, App Store di iOS e sul Google Chrome Market, attraverso cui è possibile installare un’estensione per il browser.