Ercolano, da giugno imposta di soggiorno in alberghi e b&b

146

Un’imposta di soggiorno per turisti e quanti pernotteranno nelle strutture ricettive di Ercolano entrerà in vigore a partire da giugno. Il regolamento, approvato ieri sera in Consiglio comunale, prevede il pagamento di un euro al giorno per il singolo pernottamento di una persona per un massimo di 15 giorni in alberghi, b&b, agriturismi, e cinquanta centesimi nel caso si decida di pernottare in ostelli per un massimo di sette giorni. Il denaro è destinato a finanziare gli interventi, previsti nel bilancio di previsione del Comune di Ercolano, in materia di turismo. ”La tassa di soggiorno è volta a raccogliere denaro da destinare in maniera specifica allo sviluppo turistico” dice l’assessore al Turismo, Ivana Di Stasio. Dall’imposta sono esentati i minori di 18 anni, i volontari che prestano servizio in occasione di calamità, il personale appartenente alla polizia di Stato e alle altre forze armate che svolge attivita’ di ordine e sicurezza pubblica, le persone con una percentuale di disabilità pari o superiore al 65%.