Postepay: vent’anni di successi

107

È la PostePay: la carta ricaricabile più amata e versatile dagli italiani, un vero e proprio successo che è riuscito a far compiere il ventesimo anno a questo piccolo e semplice prodotto postale. La carta ricaricabile è sicuramente molto usata anche online per tantissimi motivi che vanno dal giocare online allo shopping, l’acquisto di biglietti per spettacoli o viaggi, pagamento di tasse, bollette e svago!

Nata nel 2003 la PostePay è stata per anni la sicurezza delle attività online di milioni di italiani. Un modo di pagare differente in un contesto, quello italiano che aveva appena conosciuto l’euro. Con la ricaricabile dell’ufficio postale sotto casa tutto diventava più semplice ed elastico. Nonostante l’estrema fiducia riposta dalle Poste Italiane nessuno si aspettava che la ricaricabile gialla potesse diventare così famosa, necessaria tanto da essere uno dei servizi di maggior popolarità fra quelli messi a disposizione dalle Poste Italiane. 

In questi anni qualcosa è cambiato: prima la ricarica si poteva fare solo alle Poste, poi al postamat, poi nei tabacchini adesso invece ovunque! La PostePay Evolution cambia davvero la vita infatti può ricevere accrediti come lo stipendio, disponendo di un codice Iban apposito per lo scopo. Dal 2018, è subentrata addirittura la società PostePay SpA a gestire autonomamente l’intero servizio.

La carta ricaricabile di Poste Italiane sorprende

La PostePay è una delle carte più sicure, per questo è così tanto amata: il servizio clienti è eccellente, negozi fisici e virtuali accettano i pagamenti e tutta la vita diventa più facile. Da tempo poi è in corso una operazione di fidelizzazione. Sino al 30 maggio è ancora possibile partecipare al bonus cashback postale. Un curioso e piccolo rimborso che l’azienda eroga al consumatore ogni qualvolta utilizza la carta prepagata. Non ovunque, non sempre e non a tutti ma tutti possono partecipare facendo acquisti presso le attività commerciali convenzionate, inquadrando il codice Qr utilizzando l’app di Postepay, è possibile avere diritto a un rimborso di un euro per ogni transazione che risulti uguale o superiore alla cifra di dieci euro. Ci sono oltre 40 giorni per mettere su un piccolo gruzzoletto! 

In Italia i pagamenti digitali sono di Poste Italiane

In Italia gli acquisti in digitale crescono in modo importante e, la maggior parte di essi, viene transata proprio attraverso le mitiche PostePay. Incredibile vero? Ma è proprio così!  In particolare, nel nostro caro ed amato sud è questo lo strumento di pagamento più utilizzato in rete: semplice, sicuro e assolutamente ricaricabile. Le possibilità di truffa si abbattono in modo importante proprio perchè, a rigor di logica, basterebbe avere sulla carta sempre e solo ciò che basta per l’acquisto che si deve fare. L’impennata delle attività digitali ha una risposta semplice e chiara! Infatti, è la carta più amata dai giovani. Da circa un anno esiste Postepay Green rivolta in particolare ai ragazzi.  Una soluzione versatile e di tendenza: la si usa nei negozi fisici convenzionati, la si collega ai i pagamenti con lo smartphone tramite Google Pay e Apple Pay; si può usare per i trasferimenti di denaro ‘p2p’ da una carta Postepay all’altra, si acquista il biglietto dei mezzi pubblici e tanto altro e, online si compra, si gioca, ci si sfida e ci si fa un abbonamento ad un quotidiano. 

Il miglior uso è online

È cresciuto in Italia il trend di impiego: le nuove assunzioni hanno una impennata ed abbondano in particolare tra i giovani. Molti sono coloro che si fanno accreditare lo stipendio sulla carta. Ma attenzione per certe attività è sempre meglio avere un conto corrente ed una carta di debito. L’operatività allo sportello di PostePay infatti ha dei costi. Nata per altri scopi mal si adatta all’uso corrente mentre risulta uno strumento particolarmente utile per chi viaggia spesso all’estero o per i ragazzi che possono avere piccole somme a portata di click. Allo sportello fisico o al postamat a ciascun prelievo viene applicata una piccola commissione. Molti non lo sanno o non fanno caso ma in realtà nel contratto è scritto chiaro che i pagamenti effettuati in ufficio postale, attraverso il POS oppure il circuito Visa Electron delle ricariche dei numeri di cellulare sono servizi gratuiti, mentre invece vi viene applicata una commissione se prelevate denaro mentre per quanto concerne i prelievi in  denaro da ATM Postamat viene applicata una commissione di 1 euro, per i prelievi in euro dagli ATM Visa o Visa Electron sia in Italia sia all’estero vi viene applicata invece una commissione pari a 1,75 euro. La commissione sale a 5 euro per prelievi all’estero.