Bce, da luglio stop a Quantitative Easing e rialzo dei tassi d’interesse

131
In foto Christine Lagarde

La Banca Centrale Europea alzerà di 25 punti i tassi d’interesse a partire da luglio. Sempre dal prossimo mese ci sarà lo stop al Quantitative Easing, la misura di acquisto illimitato di titoli dei debiti pubblici dei Paesi membri dell’UE voluta a suo tempo da Mario Draghi. “L’aggressione ingiustificata della Russia nei confronti dell’Ucraina continua a pesare sull’economia in Europa e oltre. Sta interrompendo il commercio, sta portando a scarsità di materiali e sta contribuendo all’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime”. Lo dice la presidente della Bce Christine Lagarde in conferenza stampa ad Amsterdam. Questi fattori – ha aggiunto – continueranno a pesare sulla fiducia e a frenare la crescita, soprattutto nel breve termine. Tuttavia, ci sono le condizioni affinché l’economia continui a crescere con la riapertura in corso dell’economia, di un mercato del lavoro forte, del sostegno fiscale e dei risparmi accumulati durante la pandemia. Una volta che gli attuali venti contrari si saranno attenuati, si prevede che l’attività economica riprenderà velocità”.