Cibus, debutto per la ricotta di bufala Dop

56

Al Cibus 2018, in corso alla fiera di Parma, debutto in società per la Ricotta di Bufala Campana Dop, una produzione lattiero casearia artigianale certificata della Campania, basso Lazio, e foggiano in Puglia, che in quattro anni, come ha detto il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop Benito La Vecchia, nel periodo 2012-2016 ha triplicato la produzione certificata e il valore. Una tipicità casearia fresca che, a Caserta, non manca mai nel menu della chef stellata Rosanna Marziale che, in tournée a Parma, l’ha felicemente sperimentata anche sul risotto. “Sono dieci – ha detto Antonio Lucisano, curatore del progetto di valorizzazione della Ricotta di bufala Dop insieme all’Università di Napoli Federico II – gli attributi che qualificano questa eccellenza: è fresca, bianca, leggera, versatile, digeribile, senza retrogusti, spalmabile, non granulosa, genuina e Dop, a denominazione di origine protetta. Andiamo ad arricchire il panorama delle referenze lattiero-casearie con una terza ricotta che si pone al centro per sapore e granulometria tra quella vaccina e quella di pecora nell’analisi sensoriale presentata del tecnologo alimentare dell’Università di Napoli Rossella Di Monaco, in quanto capace di esprimere con tanta leggerezza una buona sapidità. Inoltre è ricca di preziosi oligominerali, come calcio, magnesio, potassio e fosforo”. Per lo chef Giuseppe Daddio “la Ricotta di bufala Dop è come la camicia bianca: si abbina con tutto, dall’aperitivo al dolce. Nel mio lavoro – ha detto – cerco sempre la ricotta perfetta e qui trovo un carattere padroneggiante che fa felicemente i conti con l’apporto calorico. Un prodotto tradizionale e adatto all’alimentazione moderna, dunque”.