Commercialisti, incontro alla Cattolica su ripresa economica e crescita sociale

158

“In un momento come questo nel quale, faticosamente, si cerca di ammortizzare l’impatto che la pandemia prima e la guerra poi hanno avuto in Italia, è fondamentale che ad una ripresa economica si affianchi uno sviluppo che riduca la forbice sociale, in questo momento molto ampia” Dichiara Marcella Caradonna, Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano.

Quali scelte compiere nel breve per attutire la situazione di difficoltà delle realtà economiche più piccole? Come rendere appetibile gli investimenti in Italia? Come impostare le riforme per non penalizzare le fasce più deboli? Come ricostruire la fiducia dei cittadini nei confronti dello Stato e dei suoi rappresentanti?

Tutte domande che devono e possono trovare risposta solo attraverso un dialogo costruttivo fra coloro che vivono la quotidianità del tessuto economico e sociale e chi rappresentala Politica e le Istituzioni.

Con questa consapevolezza l’Ordine dei Dottori Commercialisti edegli EspertiContabili di Milano in collaborazione con L’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha organizzato un convegno dal titolo “Ripresa economica e crescita sociale: un’unica ricetta con molti ingredienti” presso l’Aula Magna dell’Università Cattolica.

Hanno collaborato all’evento insieme all’Ordine degli Avvocati di Milano e l’Associazione Nazionale dei Commercialisti, il 6 marzo 2023 dalle ore 9:00.

Il Ministro Giancarlo Giorgetti, il Viceministro Maurizio Leo, la Sottosegretaria Lucia Albano e il Capo di Gabinetto Massimiliano Atelli tratteranno con esperti e rappresentanti di categoria tematiche inerenti alla ripresa economica quali il credito, il lavoro, il fisco, il terzo settore (solo per citarne alcuni).

L’ottica è quella di formulare spunti di riflessione e proposte”, sottolinea Marcella Caradonna, “ben consapevoli cheè molto facile, ma totalmente inutile, concentrarsi sui problemi e sulle criticità del momento senza far seguire ipotesi concrete di soluzione.”.

Con questo spirito abbiamo previsto una tavola rotonda dal titolo “Crescita economica e sociale: quali ingredienti?” al quale parteciperanno importanti esponenti delle Commissioni parlamentari quali: Luciano D’Alfonso, VI Commissione della Camera; Emiliano Fenu, VI Commissione Permanente della Camera; Luigi Marattin, V Commissione Bilancio Camera; insieme ai presidenti di importanti realtà sindacali di categoria e cioè: Marco Cuchel (Presidente ANC) Matteo De Lise (presidente UGDCEC) e Maria Pia Nucera (Presidente ANC).

Fra i saluti istituzionali sono presentiil Presidente dell’Ordine degli avvocati di Milano Antonino La Lumia, il Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore Franco Anelli, il Presidente della Fondazione ODCEC Milano Luigi Pagliuca.

Partecipano all’incontro: il Presidente ICCREA Banca Giuseppe Maino, l’avvocato giuslavorista Gabriele Fava, il Presidente della Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli Vincenzo Moretta, il Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Pavia Paola Garlaschelli, il Segretario Generale dell’Unione Artigiani Marco Accornero, la Consigliera del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Eliana Quintili, la Preside della facoltà di Scienze bancarie dell’Università Cattolica di Milano Elena Beccalli, il Presidente della Commissione Ausiliari del giudice penale dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano Corrado Ferriani, il Direttore dei “Medici con l’Africa” CUAMM Dante Carraro, il Presidente di AssoFintech Maurizio Bernardo e il membro del Comitato Scientifico ANC Giusi Cenedese.

L’incontro fa seguito a quello di febbraio sul nuovo Codice degli appalti, al quale hanno partecipato il Ministro Salvini e il Sottosegretario Morelli, e si inserisce nel percorso avviato dall’Ordine di Milano di dar vita ad eventi sulle tematiche di maggior attualità favorendo il confronto fra le differenti realtà coinvolte, i professionisti e la politica, valorizzando, così, anche, il ruolo di noi commercialisti quali punto di riferimento per  il tessuto economico e sociale del nostro Paese e, per tale motivo, efficaci interlocutori del Legislatore e delle Istituzioni”.