Comunali a Napoli, Solombrino: Patti per Napoli e Piani Marshall? No alla politica del cappello in mano

22

“I napoletani non meritano di essere guidati da sindaci col cappello in mano. Bisogna battere i pugni sul tavolo, non elemosinare!”. Lo afferma la candidata Sindaco di Napoli del movimento 24 Agosto – Equità territoriale Rossella Solombrino per la quale “puntare tutto su Patti per Napoli e Piani Marshall testimonia una visione, a dir poco minimalista del ruolo di primo cittadino”.

“Le risorse, se generano sviluppo e benessere,  – sottolinea l’esponente del movimento politico-culturale di Pino Aprile –  sono sempre benvenute, ma ancora non ho sentito nessuno dei miei competitor chiedere a Roma ciò che ci spetta, finirla una buona volta con gli investimenti infrastrutturali in una sola parte d’Italia per generare e rigenerare il tessuto produttivo sempre e solo in certe aree del centro e del nord”.

“Non ho ancora sentito né Manfredi, né Maresca, né Bassolino o altri – rimarca Rossella Solombrino – denunciare che hanno intenzione di continuare a depredare risorse e opportunità dal conto dei napoletani con il federalismo fiscale senza applicare i Lep, i livelli essenziali delle prestazioni, per dare sempre meno a chi ha meno. Né li ho sentiti lamentarsi dello scippo di ben 90 miliardi sottratti al futuro del Sud con la scusa che le risorse debbano andare per forza da chi sa fare meglio di noi”

“Faccio appello ai napoletani: informatevi, risvegliate il vostro orgoglio partenopeo. Più che patti e mancette costruiamo un futuro insieme per ottenere ciò che ci spetta di diritto”, conclude la candidata sindaco.