Confindustria, Antonelli (EY Italy): Colmare il divario legato alla capacità di execution dei progetti

34
in foto Massimo Antonelli

“La convergenza che si è creata tra Governo di alto profilo, consenso sulla necessità di trasformare il Paese e disponibilità di risorse economiche per farlo ci chiama a un grande responsabilità e sinergia tra Paese, aziende e persone. Le aspettative legate al Pnrr ci consentono di delineare una previsione positiva dell’aumento del Pil dell’anno in corso ma, per portare il Paese a una crescita sostenibile e strutturale nel tempo, è necessario colmare il divario legato alla capacità di execution dei progetti e alla semplificazione, partendo dall’attuazione delle riforme, dalla trasformazione della Pa attraverso investimenti in formazione e dalla capitalizzazione dei cluster innovativi del Mezzogiorno”. Lo ha detto Massimo Antonelli, ceo di Ey Italy e Chief operations officer di Ey Europe West, intervenuto al 36° convegno dei Giovani imprenditori di Confindustria in corso a Napoli. “Per le aziende – ha aggiunto – è imprescindibile comprendere velocemente i nuovi trend di consumo e avere il coraggio di investire in una trasformazione di natura strutturale che metta al centro la sostenibilità per conquistare nuovi spazi. Il Paese e le aziende sono fatti di persone, le cui competenze consentono di crescere, innovare e rispondere efficacemente alle mutevoli sfide che ci troviamo ad affrontare.