Corpi in mare a Terracina, sono compagna e figlia imprenditore

22

Latina, 5 mag. (AdnKronos) – Sono della compagna e della figlia di 2 anni di Pierluigi Iacobucci, 32enne imprenditore scomparso il 2 maggio e ritrovato senza vita il giorno dopo, i corpi trovati abbracciati questa mattina al largo di Terracina.

La conferma arriva dai carabinieri della compagnia di Mondragone, comune del Casertano del quale era originario Iacobucci. Il 2 maggio l’imprenditore era uscito a bordo di una moto d’acqua intorno alle 14 partendo da un cantiere navale a Castel Volturno. Il suo corpo è riaffiorato a Baia Domizia, località turistica divisa tra i comuni di Sessa Aurunca e Cellole, in provincia di Caserta.

In un primo momento si era pensato che i corpi ritrovati questa mattina appartenessero a due migranti vittime di un naufragio. In seguito, anche per il giubbotto trovato addosso alle due vittime che sarebbe quello tipico di chi utilizza le moto d’acqua, si era valutata anche l’ipotesi che potesse trattarsi della donna e della bimba uscite in mare giorni fa con una moto d’acqua alla cui guida c’era il compagno della donna.