La Doria, lavoratori bocciano l’ipotesi di trasferimento

67
I lavoratori dello stabilimento La Doria di Acerra (Napoli) hanno ribadito il loro ‘no’ ai trasferimenti in altri siti societari così come annunciato dall’azienda che ha più volte ribadito la volontà di chiudere la fabbrica entro il 30 settembre. Un ‘no’ che i lavoratori hanno messo nero su bianco oggi, votando un referendum nel quale si chiedeva loro se fossero favorevoli alla ripresa della trattativa con l’azienda sui trasferimenti. Su 51 lavoratori presenti, 44 si sono detti contrari, mentre 7 dipendenti si sono detti disposti a trattare. ”Ora – spiegano alcuni delegati sindacali di fabbrica – ci aspettiamo l’apertura dell’azienda a nuove soluzioni, e chiediamo alla Regione ed al ministro Di Maio, un ulteriore sforzo ed impegno per perorare la nostra vertenza. Alla società chiediamo di valutare la cassa integrazione in attesa di una riconversione o della vendita della fabbrica”. Ieri sera alcuni lavoratori hanno incontrato il vicepremier Di Maio ad un convegno a Nola, il quale ha ribadito il proprio impegno per evitare la chiusura dello stabilimento di Acerra.