Mostra d’Oltremare, Anggun testimonial del Concerto dell’Epifania 2018

174

E’ Anggun la testimonial d’eccezione del Concerto dell’Epifania 2018, in programma domani, giovedì 4 gennaio nel Teatro Mediterraneo di Napoli della Mostra d’Oltremare e in onda su Rai Uno sabato 6 gennaio alle ore 9,35 con la conduzione di Cristina Rinaldi. La tredicesima edizione del Concerto dell’Epifania è dedicata al messaggio di Papa Francesco all’accoglienza dei migranti. “Ispirandoci al messaggio di Papa Francesco per la 51esima Giornata mondiale della Pace – dice Giuseppe Reale, presidente dell’associazione Oltre il Chiostro – quest’anno abbiamo scelto come filo conduttore l’invocazione Save the world. Faremo nostro l’invito del Santo Padre a scoprire il carico di creatività e tenacia portato dai migranti nei paesi che li accolgono”.
La presenza della cantautrice nata a Giacarta, patrocinata dall’Ambasciata d’Indonesia in Italia e dal Consolato Generale di Indonesia a Napoli, si lega così al tema della 13esima edizione del concerto. Sul palco, con Anggun, si alterneranno artisti italiani e internazionali, che si esibiranno dal vivo accompagnati dall’Orchestra Partenopea di Santa Chiara e diretta dal maestro Renato Serio. “Stiamo mettendo a punto – spiega il direttore artistico, Francesco Sorrentino – gli ultimi dettagli di un’edizione che ribadirà il consolidato respiro internazionale della manifestazione”.
Il Concerto dell’Epifania sarà scandito dalla consegna dei premi Nativity in the World 2018, riservati a personalità impegnate a favore della cultura e della solidarietà. La 13esima edizione del Concerto dell’Epifania è realizzata con il contributo della Regione Campania, con la co-produzione della Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia, con il patrocinio della Città Metropolitana di Napoli e del Comune di Napoli e in collaborazione con l’Ente Provinciale del Turismo di Napoli. La manifestazione è ideata e promossa dall’Associazione Oltre il Chiostro onlus, prodotta per la Rai dalla Melos International di Dante Mariti in collaborazione con l’Associazione Musica dal mondo.