Prestiti più facili per chi investe in ricerca

60

Accesso facilitato delle Pmi italiane al capitale di rischio per le attività di ricerca e innovazione: lo prevede l’intesa siglata dal Fondo europeo per gli investimenti (Fei) con il gruppo Credem, che consentirà alla banca di concludere nuovi accordi di prestito con le Pmi e con le imprese a media capitalizzazione per svolgere attività di ricerca e innovazione, legate al programma europeo Horizon 2020. Lo strumento, gestito dal Fei, viene attuato tramite intermediari finanziari – banche e altri istituti di credito – negli Stati membri dell’Ue e nei paesi associati al programma. Gli intermediari finanziari sono garantiti dal Fei a copertura di una parte delle perdite che potrebbero subire per la concessione dei crediti previsti dallo strumento. In particolare l’intesa consentirà alla banca di concludere, nei prossimi due anni, nuovi accordi di prestito con le Pmi e con le imprese a media capitalizzazione per un totale di 220 milioni di euro. L’intesa è in linea con lo strumento InnovFin Sme Guarantee, uno dei prodotti previsti dagli strumenti finanziari InnovFin, che offre garanzie o controgaranzie su finanziamenti con capitale di debito compreso tra 25mila e 7,5 milioni di euro, per migliorare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese innovative e delle mid-cap di piccole dimensioni. I prestiti per finanziare le attività di ricerca e innovazione saranno garantiti fino al 50 per cento dell’importo dal Fondo europeo per gli investimenti.