Lavoro: Cifa, prorogare scadenza per accesso a sgravio su conciliazione

12

Roma, 10 ago. (Labitalia) – “Lo sgravio contributivo per i contratti aziendali contenenti le misure di conciliazione tra vita professionale e privata sta per concludersi. Il 31 agosto, infatti, è l’ultimo giorno per stipulare le intese per beneficiare dell’incentivo, previsto dal decreto interministeriale del 12 settembre 2017. Una misura che Cifa valuta positivamente in quanto ha registrato un’apprezzabile risposta in termini quantitativi e qualitativi da parte dei datori di lavoro, dei lavoratori, e che, dall’altra, parte testimonia ancora una volta che il ricorso a una contrattazione aziendale di qualità non può generare che benefici in favore dei lavoratori e dei datori di lavoro”. Lo afferma la Cifa, presieduta da Andrea Cafà, chiedendo al ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, “di valutare la possibilità di una proroga della scadenza per le domande di accesso allo sgravio in questione fino al 31 dicembre 2018”.

“Tale proroga – spiega – riconoscerebbe a tutti i datori di lavoro la possibilità di redigere e stipulare i predetti accordi aziendali, consentendo a tutti i lavoratori interessati di beneficiare della preziosa misura”. In questa ottica, Cifa “auspica anche il rifinanziamento della stessa misura in occasione della stesura della prossima legge di stabilità, alla stregua di quanto già posto in essere nel decreto Dignità in materia di proroga bonus assunzioni giovani under 35 2019/2020”.

Peraltro, ricorda, “solamente il 3 agosto del corrente anno l’Inps, con la circolare n. 91, ha fornito le istruzioni e le modalità operative per l’attribuzione e fruizione del beneficio, in stretta contiguità temporale con la scadenza della misura fissata per il 31 agosto 2018, e in concomitanza con ferie estive, concedendo a imprese e lavoratori un breve margine di tempo e di operatività per l’implementazione di accordi e schemi contrattuali pienamente corrispondenti ai requisiti richiesti per la fruizione del beneficio in oggetto”.