Mostre, ad Avellino in esposizione i prodotti realizzati dai detenuti

43
in foto Samuele Ciambriello

Inaugurata al Circolo della stampa di Avellino, la mostra di prodotti e manufatti realizzati dai detenuti e detenute delle carceri avellinesi. La presentazione dell’esposizione, promossa dal garante campano dei detenuti Samuele Ciambriello, ha visto la testimonianza di 4 detenute della sezione femminile del carcere di Avellino e 5 detenuti del carcere di Sant’Angelo dei Lombardi. Per Ciambriello “questa mostra e’ stata l’ occasione per mettere in campo dei ponti tra le carceri, il mondo penitenziario complessivamente, la societa’ civile, gli enti locali, associazioni , cooperative. Questi diversamente liberi sono reclusi ma non esclusi e le testimonianze che abbiamo sentito oggi ne sono l’evidenza. Sono grato alla magistratura di sorveglianza che ha consentito loro di essere presenti e sono grato alle direzioni, alle aree educative delle carceri, agli agenti di polizia penitenziaria, alle cooperative e associazioni che hanno creato un’empatia, un clima positivo di inclusione sociale attraverso queste esperienze. Sono piccole cose ma dal valore non quantificabile .” All’inaugurazione della mostra erano presenti anche il garante provinciale dei detenuti Carlo Mele, i rappresentanti di diverse associazioni di volontariato carcerario, il direttore del carcere di Avellino Paolo Pastena e il sottosegretario agli interni Carlo Sibilia che parlando con i detenuti e detenute presenti ha avuto parola di apprezzamento per il lavoro che stanno svolgendo: “sono esperienze di inclusione sociale che ho avuto modo gia’ di conoscere sia andando nel carcere di Avellino che in quello di Sant’Angelo dei Lombardi. Vanno apprezzate e valorizzate.” La mostra sara’ aperta anche domani presso il circolo della stampa dalle ore 9 alle ore 14.