Musica, Campania Commission: ecco il comitato scientifico

36
in foto Ferdinando Tozzi, presidente della CMC

La Campania Music Commission ha presentato oggi, nel Laboratorio creativo dell’artista Lello Esposito, nel giorno della Festa della Musica, il suo comitato scientifico. “Dopo circa due anni di lavoro – spiega il presidente della CMC Ferdinando Tozzi- ci è sembrato il momento di fare un passo in avanti per mettere insieme un gruppo di professionisti che potessero aiutarci a crescere ancor di più e con cui avremmo dato vita a un comitato scientifico. Ecco gli 11 componenti (in ordine alfabetico): Sergio Brancato (professore ordinario di Sociologia e Storia dei Media Università Federico II di Napoli), Paolo Del Vecchio (avvocato dello Stato), Alberto M. Gambino (professore ordinario di diritto privato e Prorettore UniEur), Alex Giordano (docente di Comunicazione, Marketing e Pubblicità presso l’università Federico II di Napoli), Sebastiano Maffettone (professore ordinario di Filosofia Politica e Preside Facoltà di Scienze Politiche Università Luiss di Roma), Lello Savonardo (professore di Comunicazione e culture giovanili Università Federico II e coordinatore del Comitato Scientifico), Pasquale Scialò (compositore, musicologo e docente in prima fascia di Pedagogia della musica presso il conservatorio “G. Martucci” di Salerno e di Musicologia e Storia della Musica presso l’Università S. Orsola Benincasa di Napoli), Luciano Stella (fondatore e ceo di Mad Entertainment), Giorgio Ventre (professore ordinario di Reti di Calcolatori presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e Direttore Scientifico della Apple Developer Academy), Ferdinando Tozzi (fondatore e presidente CMC, avvocato e giurista esperto di diritti di autore)”. “Mi hanno detto che erano piu di 20 anni che la Sony Music non tornava a Napoli, grazie alla Cmc, lo scorso aprile, 40 giovani artisti hanno incontrato la major nazionale. Ora invece stiamo lavorando con il Museo di Capodimonte per un progetto di valorizzazione dei beni culturali attraverso la musica”, conclude Tozzi.