Pierrot Danza al via dal 1° aprile: nella giuria anche Ricky Bonavita

27

di Massimiliano Craus

Ci siamo quasi, la XIII edizione del “Pierrot Danza” 2019 diretta da Alessandra Micarelli è pronta al debutto del prossimo 13 aprile al Teatro Orione di Roma. E’ infatti stato svelato anche l’ultimo nome della commissione individuato in Ricky Bonavita per la sezione contemporanea, in virtù della sua esperienza ormai pluriennale nella docenza in Accademia Nazionale di Danza a Roma e nelle vesti di direttore artistico di “Excursus”. Un nome di primissimo piano che si aggiunge al parterre internazionale di questa XIII edizione del “Pierrot Danza” 2019 con i vari Gloria Bandinelli (Accademia Nazionale di Roma e Teatro Alla Scala di Milano), Dasa Grgic (Teatro Stabile Sloveno di Trieste, Atelier de Paris di Carolyn Carlson e Nikolais Tecnique Teacher Certificate Program), Elena Viti (Accademia Nazionale di Danza di Roma ed Università degli Studi di Roma “La Sapienza”), Francesca Corazzo (Accademia Nazionale di Danza di Roma), Gemma Iuliano (regista) e Massimiliano Zaganelli (videomaker) impegnati nella nuovissima sezione di video-danza. Nomi e cognomi di assoluta garanzia, almeno quanto quelli già passati per il Teatro Orione di Roma nelle scorse edizioni, basti pensare ad Anthony Basile (Darvash School di New York, Connecticut Ballet, Ballet di Santiago), Christiane Marchant (Ballet Rayla des Flandes), Rossana Luongo (Accademia Nazionale di Danza di Roma e direttrice artistica de “Il Cerchio e il Centro”), Pietro Gorgone (AND di Roma), Giacomo Molinari (Alvin Ailey American Dance Centrer di New York, AID e MAC di Roma), Fabrizio Laurentaci (Teatro dell’Opera di Roma ed AND di Roma), Michele Pogliani (Lucinda Child Dance Company), Marit Bech (CID – UNESCO e membro della “International Vaganova Method Society”), Valerio Longo (Aterballetto e Teatro Massimo di Palermo). Tutti all’ombra della luna del protagonista assoluto: Pierrot Lunaire! Ma perché mai Pierrot Lunaire accanto a Tersicore? Quale genesi c’è stata nella scelta di Alessandra Micarelli, la direttrice artistica ed anima onnipresente del festival capitolino? Ce lo ha spiegato lei stessa in tempi non sospetti, ovvero quando il suo Pierrot era ancora solo una bellissima idea: l’idea del Pierrot é una figura romantica che mi è sempre piaciuta, così come il suo irraggiungibile amore. Sulla figura della luna ho creato il logo dell’evento, dove la sagoma di una ballerina ne segue le linee. La sigla di apertura del concorso viene ogni anno danzata da giovani ballerini esterni al concorso, o compagnie di danza ospiti, a cui chiedo loro di dedicare la coreografia al Pierrot Lunaire, oppure un solista mimo/danzatore vestito da Pierrot, con la stessa musica ogni anno. Il colore della kermesse è il blu, come le notti di luna. E da quei primissimi passi la danza si è poi impadronita definitivamente di Pierrot e di tutti i suoi estimatori. Così tanti ed eterogenei che ormai la XIII edizione del “Pierrot Danza” è patrocinata dall’Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma con il supporto tecnico di AICS Roma, Mikelart, Danza&Co, La Dance Emotions, LikeG. e con la presenza del fotografo di danza Pierluigi Abbondanza. Con la grande chicca di quest’anno che schiude i cassetti per la realizzazione dei sogni coreutici anche più tecnologici con l’inserimento della Sezione Videodanza, aperta ad autori, danzatori, coreografi, registi e video-maker che dovranno proporre video originali che abbiano per soggetto la danza con una forte connessione tra drammaturgia e linguaggi audiovisivi per promuovere la sperimentazione, la ricerca e l’utilizzo di nuove tecnologie. I due linguaggi della danza e del video possono essere considerati come due colori differenti che si mescolano fino a crearne uno nuovo.

In foto Alessandra Micarelli e Gloria Bandinelli

I video finalisti verranno proiettati in teatro durante lo spettacolo di Gala. Un evento nell’evento che domenica 14 aprile arricchirà oltremodo i tantissimi giovani che accorrono al “Pierrot Danza” da quasi un quindicennio e che potranno continuare a studiare in ogni parte del mondo: anche quest’anno abbiamo prodotto significative borse di studio per i migliori talenti – spiega la direttrice artistica Alessandra Micarelli – coinvolgendo il Balletto di Toscana e la Compagnia Junior diretti da Cristina Bozzolini, il Corso di Adeguamento Professionale di Danza curato da Gianni Rosaci, il Forum della Danza “la Marée” di Pisciotta-Palinuro (Sa), il Tersicore Arte Danza di Sambuceto (Ch), i Corsi di Insegnamento Modern-Jazz e Composizione Coreografica di Fabrizio Laurentaci, Le Foyer de la Danse di Narni (Tr), la Summer Dance di Bardonecchia (To), Tonezza in Danza (Vi) e Compagnia Venezia Balletto.

Per maggiori info visitare il sito della manifestazione www.concorsopierrotdanza.com o scrivere direttamente all’indirizzo di posta elettronica info@concorsopierrotdanza.com