Giovanni Mammone nuovo presidente della Cassazione

73

Il nuovo primo presidente della Cassazione è Giovanni Mammone, che attualmente è il segretario generale della Suprema Corte. Lo ha nominato all’unanimità il plenum del Csm in una seduta straordinaria presieduta dal Capo dello Stato. Originario di Avellino, 67 anni, Mammone è stato in passato consigliere del Csm eletto nel gruppo di Magistratura Indipendente.
Al Csm è arrivato la prima volta nel 1991 come magistrato addetto all’Ufficio Studi. Il salto nel 2002, quando viene eletto consigliere togato a Palazzo dei marescialli con il gruppo di Magistratura Indipendente. L’approdo in Cassazione è nel 1998 e da allora , salvo nei quattro anni da componente del Csm, non ha più lasciato la Suprema Corte. Entrato come magistrato di appello applicato al Massimario, Mammone in Cassazione ha scalato in poco tempo tutti i gradini della carriera. Consigliere dal 2007, è diventato nel 2016 presidente di sezione, ed è stato assegnato alla sezione Lavoro, con delega al coordinamento del settore Previdenza e Assistenza. Nello stesso anno la nomina a segretario generale. I primi passi in magistratura Mammone li ha mossi invece a Monsummano Terme come pretore. Nel 1982 la nomina a giudice del Tribunale di Pistoia e sette anni dopo l’arrivo a Roma come pretore del lavoro.